Questo sito contribuisce alla audience di

Stealth, un esempio preso in prestito dalla natura. La filosofia legata al concetto di "Bassa visibilità" – 4 –

L’F-117 Nighthawk apparso negli anni ‘80 ha rappresentato l’aereo invisibile per eccellenza, con una serie di accorgimenti specifici contro i radar e anche i sensori termici. Le sue[...]

F-117 Nighthawk

L’F-117 Nighthawk apparso negli anni ‘80 ha rappresentato l’aereo invisibile per eccellenza, con una serie di accorgimenti specifici contro i radar e anche i sensori termici. Le sue superfici sfaccettate, la coda a farfalla, le prese d’aria coperte da una rete metallica, vetri dorati, bordo della vetratura con forma triangolare hanno consentito di ridurre la Rcs a 0,1 mq, se non meno. Anche qui l’unico punto debole è la parte ventrale, ma l’F-117 può volare a bassa quota evitando la localizzazione dal basso.

Lo Stealth di seconda generazione ha visto aerei come il Northrop Grumman B-2 Spirit, l’F-22 Raptor e l’YF-23 Black Widow II (Northrop-McDonnell Douglas).

Gli aerei la cui progettazione è stata votata interamente all’invisibilità sono i seguenti (l’elenco non include tutti gli aerei che fanno ricorso parziale a tecnologie Stealth):

- Lockheed F-117A Nighthawk, monoposto da bombardamento tattico, in servizio (United States Air Force);
- Northrop-Grumman B-2 Spirit, bombardiere strategico, in servizio (Usaf);
- Lockheed-Boeing F-22 Raptor, caccia monoposto con capacità di attacco al suolo, in fase di acquisizione (Usaf);
- Lockheed Martin F-35 Lightning II, caccia monoposto con capacità di attacco al suolo, progettato, ma non ancora prodotto in serie (entrerà in servizio nell’Usaf e in varie aviazioni europee).

F-117 NighthawkF-22 RaptorF-35 Joint Strike FighterNorthrop Grumman B-2 Spirit