Questo sito contribuisce alla audience di

METCHNIKOFF

Metchnikoff fu uno zoologo acuto e rivoluzionario..

METCHNIKOFF, nato nella Russia meridionale nel 1845, frequentò l’università di Kharkoff.
Fu uno zoologo acuto e rivoluzionario per le sue idee.
E’ritenuto il “papà” dello jogurt, dal momento che lo propagandò come cura contro l’invecchiamento. Aveva infatti notato che le persone che si nutrivano con latte inacidito, vivevano più a lungo.
Il «bacillo bulgaro», che divenne di gran moda e fu commercializzato con grande fortuna degli imprenditori, combatteva i « bacilli responsabili della putrefazione intestinale ».
Appassionato e studioso di scienze diverse, denominò gerontologia la scienza che studia i fenomeni della vecchiaia e tanatologia quella che riguarda la morte.
Dopo avere viaggiato per tutta l’Europa, approdò sulle coste della Sicilia e qui ebbe l’idea di fare esperimenti sulle larve di stella marina. Dal momento che sono trasparenti, poteva studiarle al microscopio.
L’esperimento determinante di Metchnikoff fu quello di iniettare particelle di carminio nelle piccole larve. Le “minicellule” vaganti nei corpi trasparenti si precipitavano a formare una barriera contro le particelle estranee. Successivamente sostituì le particelle di carminio con le spine delle rose e passò a studiare lo stesso fenomeno nelle pulci d’acqua. Al microscopio osservava che la reazione era sempre la stessa: non si trattava di un fenomeno di assimilazione o di digestione, ma di una reazione di difesa dell’organismo verso corpi estranei. Assimilò questo fenomeno a ciò che succede ai tessuti umani quando ci si punge o ci si infetta. Anche nell’uomo comparivano delle cellule che provocavano la formazione del pus.
I leucociti erano stati scoperti dallo Spallanzani nel 1768.
Da questa semplice osservazione, nacque l’ipotesi dell’immunità cellulo-mediata. Il fenomeno fu denominato dallo stesso Metchnikoff « fagocitosi ».Fu una scoperta sensazionale che fece discutere il mondo scientifico di quel tempo.

Metchnikoff, può essere considerato il padre dell’immunologia comparata, poiché le sue osservazioni riguardano specie di animali inferiori.
Egli vinse il premio Nobel nel 1908, insieme a Paul Ehrlich.

Ultimi interventi

Vedi tutti