Questo sito contribuisce alla audience di

Distrutto ICBM in volo sul Pacifico

Pieno successo per il nuovo test antimissile USA

Il Minuteman II dopo il lancio dalla Vandenberg AFB

Alle 22.40 del 14 luglio un missile balistico intercontinentale del tipo Minuteman II è stato lanciato dalla Vandenberg AFB in California, nell’ambito del NMD (National Missile Defense), il controverso progetto di difesa antimissile lasciato in eredità a George W. Bush dalla precedente amministrazione Clinton.

Circa venti minuti dopo e a quasi 8.000 chilometri di distanza partiva dal Ronald Reagan Missile Site nell’atollo di Kwajalein un missile intercettore del medesimo tipo opportunamente modificato. Appena dieci minuti dopo il lancio la minaccia era annientata a più di 220 km dalla superficie dell’oceano.

Il prototipo della nuova arma difensiva statunitense dispone di un modulo denominato EKV (Exoatmospheric Kill Vehicle) che, dopo essersi separato dal booster, impatta ad altissima velocità contro l’unità ostile, disintegrandola fuori dall’atmosfera. Per raggiungere il suo scopo questo sistema ad energia cinetica dispone di sofisticati sensori all’infrarosso e riceve costantemente da terra aggiornamenti sulla posizione del bersaglio grazie ad un nuovo radar in banda X (XBR), anch’esso basato a Kwajalein.

Al Pentagono, nella conferenza di rito con la stampa accreditata, il tenente generale dell’USAF Ronald Kadish, direttore del BMDO (Ballistic Missile Defense Organization), ha tenuto a precisare che ci vorranno almeno due mesi per analizzare a fondo l’enorme mole di dati prodotta dal complesso esperimento. Solo allora si saprà se tutti gli obiettivi prefissati sono stati raggiunti.

Durante le operazioni di lancio del missile bersaglio, ennesima azione dimostrativa degli attivisti di Greenpeace. Secondo quanto afferma l’American Forces Information Service, quattro persone sono state fermate da elementi del 30th Security Forces Squadron e trasferite nella prigione della Contea di Kern. Due di esse, che si trovavano in mare, hanno dovuto far ricorso alle cure mediche per un principio di ipotermia.

Fonti Fotografiche

U.S. Air Force

Ultimo Aggiornamento: 02/08/2002