Questo sito contribuisce alla audience di

Takeshi Kitano, rassegna a Roma

L'evento prevede una breve introduzione volta a dare le chiavi di lettura del film e alla fine della proiezione un approfondimento su aspetti e curiosità riguardanti la cinematografia di Kitano LUNEDI' 13 GIUGNO ORE 20.00 A ROMA

VersOriente

www.versoriente.it

Presenta la

Rassegna Cinematografica
dedicata a:
TAKESHI KITANO

VIOLENT COP
Giappone 1989
Titolo originale: Sono Otoko, Kyobo Ni Tsuki

Regia: Takeshi Kitano
Soggetto: Hisashi Nozawa
Sceneggiatura: Hisashi Nozawa, Takeshi Kitano
Fotografia: Yasushi Sasakibara
Montaggio: Nobutake Kamiya
Musica: Daisaku Kume (su temi di Eric Satie)
Scenografia: Masuteru Mochizuki, Kazuyoshi Sawaji
Suono: Senji Horiuci

Interpreti: Beat Takeshi (Azuma), Maiko Kawakami (Akari), Makoto Ashikawa (Kikuchi), Shirò Sano (Yoshinari), Shigeru Hiraizumi (lwaki), Mikiko Otonashi (moglie di lwaki), Haku Ryu (Kiyohiro), lttoku Kishibe (Nito), Ken Yoshizawa (Shinkai), Hiroyuki Katsube (il sostituto capo della polizia Higuchi), Noboru Hamada (detective capo Araki), Yuuki Kawai (detective Honma), Ritsuko Amano (fidanzata di Honma), Taro lshida (detective Tashiro), Katsuki Muramatsu (sostituto questore Anan), Kenichi Endo (Emoto), Ei Kawakami (Hashizume), Kiminari Matsumoto (Sakai), Zhao Fanghao (psichiatra)

Produzione: Hisao Nabeshima, Takio Yoshida e Shozo lchiyama per Bandai Media Division, Shochiku Fuji Company
Produttore esecutivo: Kazuyoshi Okuyama
Direttore di produzione: Akinori Kuroda

TRAMA: Azuma, un detective dal carattere indipendente e solitario vive con la sorella, appena uscita da un istituto di igiene mentale. Azuma trova difficile, se non impossibile, rispettare le regolari procedure d’indagine della polizia e sottostare ai superiori. Viene quindi duramente criticato dai suoi colleghi per i suoi metodi estremamente violenti.
Mentre indaga sull’omicidio di uno spacciatore, finisce per arrivare a Nito, uomo d’affari a capo del racket della droga. A questo punto la situazione precipita: Kyoshiro, killer spietato, fa sequestrare la sorella di Azuma. Questa, nelle mani dei rapitori verrà drogata e seviziata. Azuma viene sospeso dal suo incarico e, da solo, continua da solo la sua spietata e tormentata vendetta.

HA DETTO KITANO DEL FILM: “Siccome ero comico in televisione, gli spettatori giapponesi si sono messi a ridere la prima volta che mi hanno visto apparire sullo schermo, in Violent Cop, il mio primo film. All’inizio dunque era difficile ribaltare quell’immagine, poi ho scoperto il personaggio del pagliaccio bianco del circo, un pagliaccio che fa ridere le persone ma le cui espressioni sono impresse di malinconia e di dolore. La mia apparizione sullo schermo fa un po’ lo stesso effetto di quella del pagliaccio bianco. (…)
L’ispettore di polizia, come lo yakuza, è prossimo alla morte perchè è armato. E’ per questo che sono spesso, sia l’uno che l’altro, gli eroi di questo genere di film. La violenza per me è il gioco del rakugo classico giapponese. Nel rakugo, anche se si racconta sempre la stessa storia, si ha l’impressione che sia differente a seconda di chi la racconta. La maniera di mostrare la violenta è dunque molto importante. Ed è altrettanto difficile mostrare la causa di questa violenza.” web.quipo.it/kitano/vioita.html

L’evento prevede una breve introduzione volta a dare le chiavi di lettura del film e alla fine della proiezione un approfondimento su aspetti e curiosità riguardanti la cinematografia di Kitano

LUNEDI’ 13 GIUGNO ORE 20.00
presso il cinema
AZZURRO SCIPIONI
(via degli Scipioni 82)
I PROSSIMI EVENTI DI VERSORIENTE:

CineaminazionE: Giovedì 16 Giugno, ore 20.30 presso l’associazione La Civetta sul Comò,
in via Cereate 8 (zona S. Giovanni). Proiezione di: METROPOLIS di Rin Taro, Giappone 2001Ospiti: lo sceneggiatore Giovanni Masi e la giornalista e grafica Valeria De Rubeis
Presentazione del libro “Vedere digitale” di Valeria De Rubeis
editore Dino Audino 2005

RASSEGNA CINEMATOGRAFICA DEDICATA A TAKESHI KITANO: Lunedì 20 giugno presso il cinema AZZURO SCIPIONI (via degli Scipioni 82) ore 20.00. Proiezione del film: Sonatine (Giappone 1993. durata 90 min). La rassegna prevede una breve introduzione volta a dare le chiavi di lettura dei film in programma e un dibattito alla fine della proiezione

*************************************************
WWW.VERSORIENTE.IT
Associazione Culturale VersOriente
infoversoriente@libero.it
via dei Reti 58b 00185 Roma
infocall: 064440173
**************************************************