Questo sito contribuisce alla audience di

La Joy Revolution

Una nuova presa di coscienza si sta facendo spazio tra gli uomini: è possibile portare nei propri ambienti di lavoro la Gioia e la Gioia è manifestazione della presenza della Forza. E' una rivoluzione pacifica, silenziosa ma profonda, quella che io definisco "Joy Revolution".

Lo sviluppo personale riguarda tutto l’essere e, senza voler entrare in divulgazioni esclusivamente psicospirituali, ciò significa (in merito a quanto è mia intenzione presentare) che ogni “attività”, in uno stretto rapporto psicocibernetico, interessa:

- La dimensione mentale;
- La fisiologia;
- La dimensione spirituale.

Queste tre dimensioni, costituiscono anche le tre “colonne” del P.S.P.
La mia esperienza sul palcoscenico della vita, mi ha portato a confrontarmi su queste tre aree ed oggi, nell’intento di sintetizzare le conoscenze acquisite, condivido con quanti lo desiderano veramente, quello che per me è significativo, applicabile, importante sapere per orientare la propria vita verso il territorio del personale successo.
Nella misura in cui l’esperienza è personale, quanto condivido e testimonio è un’ulteriore indicazione o strumento che ogni persona può prendere in considerazione per velocizzare il proprio percorso.
Da questa mia considerazione nasce e si sviluppa il P.S.P. Esso è strutturato in maniera tale che ognuno possa prendere quanto ritenga importante e necessario.

” Un’aspetto specifico del programma riguarda la persona in rapporto alla funzione sociale del lavoro.
Non considerando i primi sei anni della mia vita, i rimanenti sono tutti trascorsi in stretta relazione con quella dimensione sociale che chiamiamo “Lavoro”. Sono stato studente, lavapiatti, amministratore di diverse aziende, imprenditore, formatore, consulente, scrittore, marinaio, manager, direttore didattico, insegnante, commerciante, musicista.
Osservando tutto questo un giorno mi sono chiesto:

“come mai pure essendo il lavoro l’ambito in cui trascorriamo la maggior parte della nostra vita è paradossalmente l’ambito in cui meno sentiamo parlare di crescita personale, d’amore e di gioia?”

” Forse le persone che amano, gioiscono, che hanno figli, che fanno l’”amore”, che scrivono poesie o meditano, che piangono e ridono, crescono, sono diverse? No! Quante volte mi sono chiesto: “Questa persona che in questo momento fa il “capo autoritario” in altri ambiti sarà una persona che si diverte, che piange e ride.
So che questo è dovuto al contesto, alle mappe mentali, ai condizionamenti, bla, bla, bla…
I “grandi” hanno sempre capito e com Preso che il successo delle aziende è in stretto rapporto con il successo delle persone che la compongono. Ed oltre ad averlo compreso fanno in modo che ciò avvenga veramente.
Ecco perché l’Universo ha voluto che io fossi in questa rubrica anziché in un’altra. Ecco perché ho “sentito” di fondare anni fa il Movimento della Gioia che ha come principale intento di portare più Gioia ed Amore nel lavoro! Ecco perché anni fa, come riportato nel mio libro, mi arriva “inaspettatamente” l’invito in quanto animatore di comunità ad andare a Malta a dare la mia testimonianza nel contesto dell’associazione internazionale…degli uomini d’Affari del Pieno Vangelo.
Questa è la “novità”: lasciare che la potenza della Gioia possa fluire liberamente ovunque la persona si trovi, senza confini (mentali). Certamente calibrando, mediando, con equilibrio, attenzione, ma il processo una volta innescato porta cambiamento positivo, qualità della vita, maggior fatturati (chissà “perché”), passaparola.
E’ una scelta! Si può decidere di vivere veramente o semplicemente esistere a scompartimenti stagni.

I luoghi dello spirito e dintorni

Il sistema si sbilancia quando ci si focalizza e cristallizza solo sun una delle tre dimensioni.
Se si vive riconducendo tutto e solo nell’ottica spirituale, si scade nel fondamentalismo o nel settarismo.
Se si privilegia solo la mente, il vuoto esistenziale avanza a livelli sempre più profondi e nessuna conoscenza riesce a riempirla.
Se si coltiva solo il culto del corpo, l’io si gonfia fino ad esplodere.

E’ molto difficile e forse non opportuno, focalizzarsi solo nel raggiungimento di uno status che abbia come critero di soddisfazione il perfetto equilibrio delle tre dimensioni.
Quello che va attenzionato e che ci interessa è la TENSIONEverso il “centro” delle tre realtà. Tendere, andare verso, indirizzarsi, incamminarsi, porsi verso il centro del triangolo spirito, psiche e corpo. Molte risposte che si attendono da anni, molte volte non arrivano, perché in attesa di manifestazione in una delle dimensioni che non vogliamo o abbiamo voluto approfondire. Può essere nella fisiologia, o nella mente o nello spirito, questo anche perché il corpo ha una memoria ed intelligenza, come il cervello una fisicità.

Con quest’approccio, e andandoci molto cautamente ma concretamente, cominciamo adesso ad inoltrarci nel territorio che riguarda lo Spirito.

- NON ASPETTARE D’ESSERE SANTO PER AMARE -

AMICO