Questo sito contribuisce alla audience di

Come avere energia e motivazione per ogni cosa (prima parte)

Il Codice del Successo continua con le varie conoscenze che l'Anziano condivide con il Giovane. In questa sessione egli affronta una dinamica che influenza più o meno consapevolmente gli esseri viventi: le "leve" del...


“PIACERE e della SOFFERENZA”

Ogni essere vivente, tra cui l’uomo, sin dai suoi primi istanti di vita, ha fatto la conoscenza di due aspetti della stessa realtà che riguardano la propria crescita, la propria evoluzione: il piacere e la sofferenza.

Esse non sono altro che la manifestazione della stessa realtà, tanto che, a secondo della circostanza e della prospettiva, la sofferenza di uno può essere il piacere di un altro e viceversa. La stessa nascita avviene tramite la sofferenza fisica e il piacere di chi vede realizzato il lieto evento.
Per sottolineare anche questo aspetto, gli orientali affermano che la realtà è un’illusione, la Maya. Nell’Antico Testamento, la narrazione delle battaglie che includono la protezione di Dio, riportano le cronache dell’uccisione di migliaia e migliaia di altri esseri umani: uomini, donne e bambini. Il piacere della vittoria in nome di Dio è la sofferenza silenziosa di interi popoli che a sua volta diventano carnefici e che nella storia dell’umanità rischiano di innescare un ciclo vizioso difficile da interrompere.

Piacere e sofferenza, due “sorelle”, due maschere sulla stessa presenza, i due piatti di una bilancia. Sei in dieta alimentare? Cosa accade nella tua mente se vedi un gelato o un dolce che ti piace particolarmente? Vai in palestra? Cos’è che ti ha fatto decidere una volta per tutte ad iscriverti dopo tanti rinvii? I “cuscinetti” di grasso ora troppo vistosi o gli sguardi eloquenti di chi incontri?
Così per una vacanza, un’iscrizione ad un corso, le le serate sul divano di casa o al computer se non al videogame? Insomma, per qualsiasi cosa la domanda che emerge è: perché decidiamo per una scelta anziché per un’altra?
Già lo hai letto: a causa del PIACERE o della SOFFERENZA che queste scelte ci provocano.

Noi ci allontaniamo da tutto ciò che ci provoca sofferenza e ci avviciniamo a tutto ciò che ci provoca piacere.

Elementare…ovvio…semplice, si certo, tutto scontato tanto che ammetterlo ci provoca…più piacere o molto probabilmente…meno sofferenza.
Ma è tutto qui? Cos’altro c’è? Allora ti accorgi che i nostri comportamenti non sono così scontati?.
Non è detto che tutti gli individui reagiscono secondo le due direzioni appena espresse: verso il piacere, lontano dalla dolore; può esservi anche la dinamica (molto diffusa):
scegliere il minor dolore.
Com’è possibile? Semplice!
Quante volte succede che tra due opzioni si sceglie quella che provoca meno sofferenza? Vi è la comune affermazione: “tra i due mali il minore”. Anche nell’esempio della palestra, vi è chi si decide a seguito di una scelta condizionata dalla sofferenza di costatare o avere continuamente rinfacciato di avere un ventre troppo evidente e la sofferenza di iniziare un programma che comporterà fatica. E’una scelta tra due…sofferenze. Non è da tutti l’agire perché si pensa al piacere che si proverà nel raggiungere quel risultato.
Un altro esempio classico è quello di chi la mattina si decide ad alzarsi pensando che se farà troppo tardi sarà richiamato (sofferenza). Ma vi è anche chi la stessa mattina, quando si sveglia pensa al caffè che gusterà o a quella splendida persona che incontrerà (piacere). La stessa azione, due atteggiamenti…opposti. Chi sta bene con se stesso e con gli altri è profondamente orientato al piacere, a cosa proverà di bello, di nuovo nell’acquisire quelquella nuova modalita’br>
Adesso una domanda per te:
La tua vita è orientata al piacere o alla minore sofferenza?

Pensaci con calma prima di rispondere, la risposta potrebbe essere meno evidente di come potrebbe sembrare. Da questa risposta puoi avere seriamente delle importanti indicazioni per conoscerti meglio. Il rifugiarsi nell’ovvio non porta nessun cambiamento nella tua vita, tanto meno nel cammino verso la Gioia ed il Successo. Il dirsi: “…certo, con i problemi che ho io…” (lo dicono la maggior parte di persone quando si è orientati alla minor sofferenza); oppure: “…vorrei vedere te nella mia situazione…”, dimenticando (non casualmente) che la “situazione” non ci è stata lasciata in eredità ne si è manifestata in un attimo, ma neanche in un’ ora, giorno o mese o anno, ma è la scientifica risultante di uno, due, dieci, cento, mille, diecimila, milioni, si milioni, di micro decisioni che abbiamo preso nella nostra vita che erano “forgiate” con lo stampo “MINOR SOFFERENZA”.

Quando dico nei miei incontri: “fatevi una lista delle cose che vi danno piacere, anche piccole ed apparentemente insignificanti”, i partecipanti hanno difficoltà nello scrivere oltre cinque sei aspetti positivi. CINQUE, SEI comprendi?
Se dico: scrivete le cose che vi torturano la mente, o che vi fanno star male, o le persone, o i luoghi, o gli oggetti, o le azioni che vi deprimono, che vi intristiscono, che vi demotivano…allora è uno scrivere, ma uno scrivere.
La Maya, l’illusione delle cose.
Ci si è abituati a non attingere naturalmente allo stato di risorsa che è vivo e vegeto dentro ogni persona.

Adesso ti invito a prendere la tua penna ed il tuo Quaderno Personale, questi non posso darteli adesso io, e riporta dieci, venti, cinquanta, cento e più “cose” che ti provocano una sensazione di piacere, anche piccole. Prenditi anche in questo caso il tempo necessario. Anche la sensazione che ti prende quando devi dedicarti del tempo è significativa del tuo condizionamento attuale: è disagio o serenità? Cioè soffri o ti dà piacere? Ti è chiaro tutto ciò?
Scrivi allora, ed ogni volta che da oggi vuoi un aiuto concreto, non chiedere consiglio a chi …la lista la utilizza già da tempo, ma apri il tuo Quaderno Personale a questa pagina e leggi. Prima leggi e vedi che desiderio nasce in te e subito dopo realizzalo e non dirmi che tutto questo ti provoca…sofferenza.

ESERCIZIO
Vai in Giardino e sviluppa la tua lista.

Le 100 e più cose che mi danno “PIACERE”

1________________ 2________________ 3_________________ 4_______________ 5________________ 6_______________ 7________________ 8_______________ 100……………….

- Esci dal Giardino. (continua)



Link correlati