Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimissime da ManagerZen

SEGNALE n° 187





MANAGERZEN - SEGNALE n° 187

Diventa socio di ManagerZen! 50 euro per un anno: il tuo contributo ad una cultura più umana del lavoro!! Ultime copie del libro in omaggio per che si associa o rinnova l’iscrizione: “Una soluzione intelligente alle difficoltà quotidiane” di Sebastiano Zanolli!
http://www.managerzen.it/associati/associati/associati.html

************ spot ***************
ASPO-5 Conferenza internazionale sull’esaurimento del petrolio 18-19 luglio 2006 San Rossore (Pisa)
Il convegno raccoglie esperti da tutto il mondo che esamineranno la consistenza delle riserve di petrolio, gas e materie prime e valuteranno le dinamiche di estrazione, nonchè le conseguenze economiche, sociali e politiche del progressivo esaurimento. Fra gli oratori, Colin Campbell (presidente di ASPO-Internazionale), Dennis Meadows (uno degli autori del rapporto al Club di Roma “I Limiti dello Sviluppo” del 1972), Robert Hirsch (Dipartimento dell’Energia, noto per i suoi studi sulla mitigazione degli effetti del picco del petrolio), Richard Heimberg (”Powerdown” e “La Festa è Finita”), Jeremy Leggett (autore di “Fine corsa”) …e molti altri.
Per i lettori di ManagerZen è previsto lo sconto del 10% sulla quota di iscrizione
http://www.managerzen.it/eventi/eventi/il_futuro_del_petrolio.html

********************************

INDICE

- LIBRO: “Lettere dalla Kirghisia” di Silvano Agosti
- ARTICOLO: “Tutto accade oggi” di Sebastiano Zanolli
- MANAGERZEN: “Alessandra De Giuli: il nido in azienda” di Annalisa Fassetta
- ETICA&COMPLESSITA: “la vita è etica?” dialoghi a cura di Seeco

********************************************
- LIBRO: “Lettere dalla Kirghisia” di Silvano Agosti

libro217-lettere-kirghisia.jpg“In questi giorni tutti sono diventati espertissimi sull’Islam e sui Paesi d’Oriente, ma nessuno accenna al tuo, la Kirghisia, dove finalmente è l’essere umano a trionfare e la struttura sociale non ha più la forma di una piramide, come qui da noi, con ai vertici i poteri e un po’ più sotto i privilegiati, e poi più sotto i lavoratori, i disoccupati, gli emarginati, i senzatetto alla base. Credo di aver capito che da voi finalmente la struttura sociale è a forma di sfera con al centro la vita e tutti gli esseri umani sono equidistanti dal centro, perché avete scoperto che “vivere” e “lasciar vivere” è la vera beatitudine, mentre qui da noi ci si accontenta di “produrre e consumare sempre di più” (a costo di ridursi in miseria, ammazzarsi di lavoro, e distruggere la Terra per trasformarla in una uniforme discarica).
Alcuni hanno addirittura confuso la Kirghisia con il Kirghistan, forse non potendo neppure concepire che esista un Paese nel mondo che si ponga come unico e prioritario obbiettivo il rispetto per la vita, il benessere e la liberta. Altri hanno affermato “l’irrilevanza” di tue rilevazioni come: “Ognuno qui da noi, essendo obbligato a lavorare solo un giorno la settimana, può vivere accanto ai suoi figli, agli amici, agli amori e rendere le proprie giornate più simili a una festa che non, com’era prima da noi e come credo sia anche da voi, a una vera e propria condanna”.
Ma la Kirghisia esiste veramente??

http://www.managerzen.it/?option=com_booklibrary&task=view&id=217&Itemid=30

********************************************
- ARTICOLI: “Tutto accade oggi” di Sebastiano Zanolli

“Vi siete accorti che tutto accade oggi? E’ un riflessione che mi rapisce di sera. Prima di andare a dormire. Quando mi accorgo che ieri è andato per sempre e nulla lo farà tornare né cambiare.
Quando sento che domani è solo una speranza. Una ipotesi. E lo vedo evanescente e tremolante come la fiamma di una candela. Sospeso, quindi, tra un souvenir e una schedina del lotto non giocata.
Oggi si è vecchi a quarant’anni, si è troppo inesperti a trenta.
Tutta la vita si gioca secondo il sentire comune nei dieci anni di mezzo tra questi due cataclismi anagrafici. Dobbiamo fare tutto li. Diventare ricchi e famosi, soddisfatti e felici, rockstar e genitori assennati. Troppo giovani e troppo vecchi per entrare negli spot che richiedono solo capacità di acquisto. …”

http://www.managerzen.it/articoli/articoli/tutto_accade_oggi.html

********************************************
- MANAGERZEN: “Alessandra De Giuli: il nido in azienda” di Annalisa Fassetta

Incuriosita dall’esperienza dell’asilo aziendale in CartaSì, Annalisa ha rivolto le sue domande ad Alessandra De Giuli associata a ManagerZen dal 2004.
Laureata in Giurisprudenza all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dal 1991 lavora in CartaSi, nell’ambito della funzione Gestione ed Amministrazione del Personale, Selezione e Formazione. Segue tematiche legate alla CSR (Corporate Social Responsibility) ed a progetti di worklife balance, quali la realizzazione dell’Asilo Nido Aziendale. Oggi lavora in Sviluppo Organizzativo, funzione che riporta gerarchicamente all’Amministratore Delegato. Leggi tutta l’intervista!

http://www.managerzen.it/associazione/le_interviste_ai_soci/alessandra_de_giuli_il_nido_in_azienda.html

********************************************
- ETICA&COMPLESSITA: “la vita è etica?” dialoghi a cura di Seeco

Arrivati alla quinta parte del dibattito si discute sul legame tra sistema vivente ed etica.

“A: Allora la complessità è etica? La vita è etica? Un sistema complesso è per definizione etico?

B: Intuitivamente mi verrebbe da dire di sì… Se un organismo è vivo, è complesso; se è complesso, rispetta i principi etici, i principi della complessità. Altrimenti si avrebbe disgregazione, cioè crollerebbero tutti i livelli gerarchici superiori fino alla disintegrazione, fino a ciò che possiamo chiamare la morte. L’etica, in questo assunto, è qualcosa di connaturato alla vita stessa, senza che vi sia necessariamente all’opera la consapevolezza di tutto ciò.
Un essere vivente è di per sé in relazione con l’ambiente che lo circonda, è di per sé inserito in una rete di relazioni che lo mantengono in vita e, attraverso il suo vivere quotidiano, assicura il mantenimento di questa rete.
Non sappiamo, tuttavia, se ciascun essere vivente è consapevole della rete che lo unisce a tutto l’universo e se agisce intenzionalmente per assicurarne il mantenimento.
Possiamo tuttavia dire che il suo operare è etico, poiché agisce attraverso la vita per il mantenimento della vita. E’ un know how etico istintivo, naturale.

A: E per l’uomo, che invece sappiamo essere in grado di agire con consapevolezza? ” …

http://www.managerzen.it/le_rubriche_di_managerzen/etica&complessita/etica-e-vita.html

********************************************

ciau

Redazione ManagerZen
www.managerzen.it

*********************************************

CINA ECOLOGICA

Nascerà in Cina la prima città tutta ecologica, non lontano da Shangai in un’ isola nel delta del Fiume Giallo costruita con criteri eco-compatibili. Dongtan, con 80mila abitanti previsti nel 2020, sarà la più grande comunità ecologica del mondo. L’energia necessaria al funzionamento della città sarà prodotta sul posto grazie ad un mix di solare, eolico, ed altri fonti rinnovabili. Il progetto prevede che gli unici mezzi di trasporto autorizzati a muoversi nell’isola siano elettrici o ad idrogeno. Allarmate dalla crescita esponenziale dell’inquinamento le autorità di Pechino hanno vartao una serie di progetti per contenere le emissioni di carbonio: in questo quadro Dongtan vuole essere una sorta di simbolo.

da Affari e Finanza del 26 giugno 2006