Questo sito contribuisce alla audience di

In pace col mondo intero

Di recente mi è capitato di chiedere ad una ragazza conosciuta da poco “…cosa ti piace fare nel tempo libero?” e lei: “…mi piace andare nei locali dove c’è tanta confusione…”, ed io tra me e me ho pensato: certo perché entra subito in rapport con la confusione che ha dentro di se e quindi si sente sicura ed a proprio agio. _uacct = "UA-815612-1"; urchinTracker();

Noi viviamo sempre all’interno di un contesto ambientale e quindi per starci bene dobbiamo sintonizzarlo col nostro mondo interiore, secondo un processo applicato anche alla vendita quando cerchiamo di entrare in sintonia col potenziale acquirente per conquistare la sua fiducia.

 

Per far questo dobbiamo avere ben chiaro in mente quella che è la nostra zona di influenza e di controllo, altrimenti rischiamo di vivere le situazioni con un atteggiamento mentale che ci fa sentire impotenti e quindi stressati.

 

Difatti uno degli errori più diffusi è quello di voler controllare eventi e situazioni che non lo potranno mai essere, come le condizioni climatiche oppure il traffico e che costituiscono la nostra sfera di coinvolgimento.

 

Poi abbiamo la sfera di influenza che comprende ciò che stà al di fuori del nostro potere di controllo: rientrano in tale categoria le persone con cui interagiamo ed alcuni eventi di modesta entità.

 

Possiamo sviluppare la nostra zona di influenza incrementando le nostre abilità comunicative e capacità di ascolto, oppure elevando il nostro livello di conoscenze in quanto riusciamo ad influenzare solo quello di cui siamo veramente consapevoli.

 

All’interno della nostra sfera di influenza c’è quella di controllo, da cui sono escluse le persone e gli avvenimenti, specie quelli importanti: ma quante volte siamo tentati di voler controllare le persone perché facciano quello che noi desideriamo?

 

Ma cosa possiamo quindi controllare in modo esaustivo e duraturo? Noi stessi, le nostre emozioni e la gestione delle risorse di cui disponiamo.

 

Dobbiamo aver ben chiaro nella mente che i nostri stati d’animo dipendono non da quello che ci succede, ma dalla nostra reazione, da come noi li interpretiamo per mezzo dei nostri valori e delle nostre convinzioni, che sono stati creati dalla nostra mente e pertanto possono essere da noi cambiati.

 

Quindi il nostro focus mentale va sempre posizionato su quello che ci fa stare bene, sugli aspetti della nostra persona che sono più funzionali alla realizzazione dei nostri bisogni, sullo stato mentale della soluzione anziché quello del problema, per riuscire a dare sempre il massimo in ogni circostanza che la vita ci offre.

 

Alessandro Allaria