Allenamente: PNL e Sport

Ci sono atleti che vincono, costantemente, in modo abituale, come per esempio accadeva a Schumacher, ed altri che sono eterni secondi. _uacct = "UA-815612-1"; urchinTracker(); La preparazione sportiva si compone della preparazione tecnica, dell'allenamento fisico e del training psicologico. Allora, cosa fa differenza? L'allenamente per vincere!

Ci
sono atleti che vincono, costantemente, in modo abituale, come per esempio
accadeva a Schumacher, ed altri che
sono eterni secondi.
La
preparazione sportiva si compone della preparazione tecnica, dell’allenamento fisico e del training psicologico.
Allora, cosa fa differenza?

L’allenamente per vincere!

Le
filosofie orientali da lungo tempo concepiscono corpo e mente come un tutt’uno e
tutti noi sappiamo quanto il corpo sia capace di influire sulla mente, tanto è
vero che è sufficiente fare una corsa per vedere le cose da un punto di vista
diverso. Quello che spesso si ignora è quanto la mente possa influire sul corpo
e quanto questo sia importante nel raggiungimento della prestazione
eccellente.

Trovare
il giusto livello di concentrazione prima o durante la gara, resistere allo
sforzo ed accedere alle proprie energie nel momento decisivo, credere nelle
proprie capacità, fanno la differenza tra un atleta capace di vincere e chi
arriva dietro di lui.

Attraverso
le tecniche offerte
dalla PNL si possono trasformare le credenze limitanti in occasioni da
sfruttare, per esempio passando da “non posso riuscire” a “posso provare”. Tutte
queste tecniche vengono trasmesse dal coach in modo che lo sportivo,
l’allenatore o il dirigente possano riutilizzarle nel momento e nell’ambito in
cui ne hanno bisogno, senza instaurare un rapporto di dipendenza tra i
due.

Il
successo fa paura: per raggiungerlo bisogna superare alcune paure irrazionali
che spesso ci impediscono di rendere al meglio e che spesso si manifestano in
alibi. Una volta raggiunto è necessario superare un sentimento di inferiorità
derivante dalla incertezza del poterlo ripetere ed è per questo che spesso gli
atleti si mettono i bastoni tra le ruote, operando dei veri e propri
autosabotaggi “inconsci”. Superare queste limitazioni vuol dire liberare il vero
potenziale individuale ed esprimersi finalmente nella piena accettazione dei
propri limiti e delle proprie capacità!

Fissare
i propri obiettivi è un processo fondamentale nello sviluppo personale e
sportivo. Possiamo definire un obiettivo in campo sportivo come uno specifico
rendimento che si vuole raggiungere in un certo periodo di tempo. Quando si ha
un obiettivo chiaro e concreto ci si può concentrare su di esso con tutte le
proprie risorse focalizzando la propria attenzione, traendone energia,
rafforzando la propria volontà di andare avanti e la fiducia in sé stessi; se
non si ha una meta ben precisa si rischia di disperdere energia… si può infatti
raggiungere un traguardo che non si conosce?

Con
i propri obiettivi in mente, espressi in modo corretto, è possibile concentrare
le energie per il loro raggiungimento ed accettare gli errori e gli insuccessi
come tappe fondamentali per il raggiungimento del successo cercato. Accettare i
propri errori è indispensabile per raggiungere un’autostima vera, basata
sull’autocoscienza piuttosto che sulla illusione di essere perfetti: non sempre
vincere vuol dire arrivare primi.

Max

Peeplo Search

Vuoi inserire la Search di Peeplo sul tuo sito ?

Provala subito!