Questo sito contribuisce alla audience di

Un Gatto Straordinario…per raccontare la PNL (prima parte)

Era il gatto più conosciuto del quartiere. Anzi, per dire la verità, la sua fama lo aveva reso famoso in tutti i sobborghi dell’intera nazione di Miciomiao. Tant’è che più volte gli studiosi –[...]

Era il gatto più conosciuto del quartiere. Anzi, per dire la verità, la sua fama lo aveva reso famoso in tutti i sobborghi dell’intera nazione di Miciomiao.
Tant’è che più volte gli studiosi – riconoscibili perché erano gli unici gatti con gli occhiali - avevano cercato di capire i segreti del successo del gatto Pucci, facendogli tante domande, o facendosi raccontare tutta la sua storia. Tutte le informazioni ottenute, però, non erano servite a niente per capire cosa ci fosse dietro i risultati ottenuti da quello straordinario micio.

> Straordinario per mille motivi: più volte, per esempio, era riuscito a convincere dei gatti a non sbranare i topolini che avevano già tra i denti, e a lasciarli andare. Lui diceva sempre che “ ogni essere doveva essere rispettato e compreso.”. E sebbene questa tesi fosse sostenuta anche da altri autorevoli esperti, lui era l’unico che fosse mai riuscito a convincere qualche gatto a compiere il nobile gesto.

> Inoltre aveva anche convinto anche alcuni mici in crisi depressiva a non farla finita con la propria vita, perché, diceva Pucci, “c’è sempre un ottimo motivo per tirar fuori la forza interiore. Bisogna solo scoprirlo”.

> Pucci era anche conosciuto perché riusciva a risolvere controversie tra più gatti o , addirittura, tra animali diversi, il che era ritenuto difficilissimo anche perché ogni animale parlava una lingua diversa da un altro, e nessuno conosceva più di una lingua: la propria. A questo proposito, il suo insegnamento era il seguente: “Bisogna sforzarsi di capire quello che l’altro vuole dire, invece di continuare a miagolare il proprio linguaggio”.

> Un’altra eccezionale dote di questo micio era che risultava molto simpatico a qualunque animale. Più che simpatia, riusciva a creare empatia. Questo perché per lui era fondamentale “mettersi nei panni dell’animale che hai di fronte per capirlo e rispettarlo meglio”.

Qualcuno era convinto che il suo segreto fosse una grande personalità e un grande carisma. Altri pensavano che conoscesse i segreti dell’ipnosi gattaia. Altri ancora credevano che tutto ciò che si raccontava su di lui fossero sciocchezze o episodi gonfiati. Altri preferivano crederlo, per non essere costretti a paragonarsi a lui e doversi quindi mettere in gioco.
Sta di fatto che nessuno sapeva davvero come stessero le cose.
Finché qualcuno molto ma molto curioso decise di appurare e di imparare da Pucci come diventare un animale migliore. Cosa successe di particolare?
Curiosoni….proviamo a riflettere…

Alla prossima
Max formisano

Argomenti