Questo sito contribuisce alla audience di

LA METOPOSCOPIA

La metoposcopia è una antica tecnica divinatoria che consiste nell’analisi delle rughe della fronte. I primi studi vennero effettuati da Girolamo Cardano, eclettico personaggio che fu medico, taumaturgo, astrologo, matematico, filosofo, demonologo ed interprete di sogni, vissuto in Lombardia tra il 1501 e il 1576. Scrisse un trattato, ( Metoposcopia ) che venne però pubblicato a Parigi nel 1658, quasi cento anni dopo la sua morte...

LA METOPOSCOPIA

La metoposcopia è una antica tecnica divinatoria che consiste nell’analisi delle rughe della fronte.
I primi studi vennero effettuati da Girolamo Cardano, eclettico personaggio che fu medico, taumaturgo, astrologo, matematico, filosofo, demonologo ed interprete di sogni, vissuto in Lombardia tra il 1501 e il 1576.
Scrisse un trattato, ( Metoposcopia ) che venne però pubblicato a Parigi nel 1658, quasi cento anni dopo la sua morte.
Nel 1584, un piccolo trattato ( Metoposcopicurum libellus ) a cura di un astrologo boemo di nome Thaddeus Hajek, detto Hagecius e discepolo di Cardano, suscitò parecchio interesse, tant’è che iniziarono a diffondersi parecchi manuali e nel XVII secolo si contavano circa una ventina di testi in circolazione dedicati alla materia: nel 1629 venne pubblicata e tradotta in parecchie lingue, l’opera di un altro italiano, Ciro Spontoni.
La relazione con l’astrologia è evidente : il principio fondamentale della metoposcopia è che le rughe sono differenti in ogni individuo perché i pianeti agiscono differentemente a seconda delle predisposizioni individuali segnalate nell’oroscopo natale. Da tenere presente che gli scienziati del tempo erano principalmente astrologi e che quindi credevano nell’influsso dei pianeti sull’individuo e di conseguenza su tutte le parti del corpo : la fronte è la più vicina al cielo e quindi su di essa pensavano che si concentrasse la massima influenza.
I seguaci di questa disciplina dovevano quindi essere in grado di risalire al
carattere di una persona ed il suo destino a traverso l’analisi dell’aspetto e della distribuzione delle rughe della fronte.
La fronte viene “ divisa “ in 7 parti , ognuna delle quali corrisponde all’influenza ben definita di un pianeta.
A partire dalle radici dei capelli si trova la zona di Saturno, seguita in senso discendente da quelle di Giove, Marte, Sole, Venere, Mercurio e Luna.
Ad esempio: una ruga ben marcata e profonda nella zona di Giove segnala un personaggio caratterizzato dall’influenza del pianeta, quindi gioviale, generoso, di animo nobile; una ruga nella zona di Marte indicherebbe invece carattere orgoglioso e aggressivo. L’intersezione verticale di una ruga con due rughe orizzontali rafforza il significato delle due rughe orizzontali.
Anche l’aspetto dritto o ondulato ha significato : ad esempio , una linea di Giove ondulata indicherebbe onori messi in discussione, mentre se appare dritta è segno di onori riconosciuti.

Penelope
 

Le categorie della guida

Argomenti

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati