Questo sito contribuisce alla audience di

Le funzioni essenziali

Ecco una definizione di dialogo tratta dal Dizionario di narratologia di Gerald Prince: “rappresentazione di tipo drammatico di uno scambio orale in cui sono coinvolti due o più personaggi. Nel dialogo, i discorsi dei personaggi vengono presentati come si presume siano stati pronunciati”.

Ecco una definizione di dialogo tratta dal Dizionario di narratologia di Gerald Prince: “rappresentazione di tipo drammatico di uno scambio orale in cui sono coinvolti due o più personaggi. Nel dialogo, i discorsi dei personaggi vengono presentati come si presume siano stati pronunciati”.

Come si presume, non come sono stati effettivamente pronunciati e questo induce nuovamente a riflettere sulla distinzione fatta fra trascrizione letterale, registrazione e riproduzione con accorgimenti e aggiustamenti.

Ecco quali dovrebbero essere le funzioni essenziali del dialogo nella narrativa:

avere l’obiettivo della concisione
accrescere le conoscenze del lettore fino a quel momento
eliminare gli scambi di routine presenti nella normale conversazione
suggerire un senso di spontaneità ma eliminare la ripetitività del vero linguaggio parlato
far progredire la storia
rivelare aspetti del carattere di chi parla, sia direttamente, sia indirettamente
evidenziare le relazioni fra i personaggi
Altri brevi suggerimenti:

far esporre ai personaggi un pensiero alla volta
evitare battute di dialogo con frasi troppo lunghe o complesse
intercalare i lunghi discorsi con interventi di altri personaggi, azioni e pensieri che convincano il lettore dell’importanza di quanto viene affermato.
Il dialogo non deve spiegare tutto ma per quanto possibile suggerire tra le righe.