Questo sito contribuisce alla audience di

Le muse ispiratrici

Le Muse per gli antichi Greci erano le figlie di Zeus.

Le Muse per gli antichi Greci erano le figlie di Zeus, il dio supremo dell’Olimpo, e di Mnesomine, dea della Memoria, la quale a sua volta era figlia di Gea, cioè della Terra e di Urano, cioè del Cielo.

Le Muse, e con esse le voci che muovono verso la poesia, erano dunque discendenti dirette delle primigenie forze cosmiche. Esse erano nove:

CLIO, che presiedeva alla storia
EUTERPE, che presiedeva alla musica
TALIA, alla commedia
MELPOMENE, alla tragedia
TERSICORE,alla danza
ERATO, alla poesia amorosa
URANIA, all’astronomia
POLINNIA, al canto sacro
CALLIOPE, all’epica e all’elegia

Una di loro viene invocata da Omero nel primo verso dell’Iliade ( “L’ira cantami, o dea, di Achille figlio di Peleo” oppure in un’altra traduzione, “ Cantami o Diva, del Pelide Achille l’ira funesta”). La dea non solo spinge a cantare, ma canta lei stessa: il poeta antico annota, rammemora, riferisce: è cieco e lo è proprio perchè deve innanzi tutto ascoltare e ricordare.

Ed ecco una definizione moderna delle Muse, dovuta a Jorge Luis Borges, il grande poeta argentino, in vecchiaia cieco anche lui:

Per Muse dobbiamo intendere ciò che gli Ebrei e Milton chiamarono Spirito e che la nostra triste mitologia chiama Subcosciente

Le Muse oggi ci appaiono sotto differenti vesti, sta a noi riconoscerle.

Le nove Muse secondo gli antichi Greci
Le nove Muse secondo gli antichi Greci Le nove Muse secondo gli antichi Greci Le nove Muse secondo gli antichi GreciLe nove Muse secondo gli antichi Greci Le nove Muse secondo gli antichi Greci Le nove Muse secondo gli antichi GreciLe nove Muse secondo gli antichi Greci