Questo sito contribuisce alla audience di

La poesia secondo Coleridge

Definizione di poesia e di arte poetica

Tratto da “Definizioni di poesia e di arte poetica” in Passione poetica, di S.T. Coleridge.

Samuel Taylor Coleridge è stato poeta, critico letterario e filosofo inglese. Famoso per essere stato insieme all’amico e poeta William Wordsworth tra i fondatori del Romanticismo in Inghilterra. Celebre è il suo poema narrativo La ballata del vecchio marinaio

Lo scopo immediato della poesia può essere la comunicazione di verità; sia di verità assolute e dimostrabili come nelle opere scientifiche, sia di fatti di cui si ha esperienza e ricordo come nella storia.
Dalla realizzazione di un fine può scaturire un piacere inteso nel senso più alto e duraturo del termine, ma non è questo il fine immediato. In altre parole, la comunicazione di piacere può essere lo scopo immediato, tuttavia nel caso in cui il fine ultimo sia la comunicazione di verità, sia morale che intellettuale, questa distinzione determina il carattere dell’autore e non il genere a cui l’opera appartiene…..

Ma la comunicazione di piacere può essere l’obiettivo immediato di un’opera senza metro; e si può raggiungere questo obiettivo a un livello molto elevato, come nei romanzi e nei racconti. Sarebbe dunque semplicemente l’aggiunta del metro, con o senza rima, a qualificarle come poesie? Bisogna rispondere che niente può piacere durevolmente se non contiene in sè la ragione del suo essere piacevole, e non altrimenti. Se si introduce il metro, tutte le altre parti della composizione vanno adeguate a questo…

Dunque la definizione finale, così desunta, può essere espressa nel seguente modo: una poesia è una composizione che si differenzia dall’opera scientifica, proponendosi come proprio oggetto immediato il piacere e non la verità; e si distingue da tutti gli altri generi poichè si propone di trarre diletto dal tutto e nello stesso tempo un piacere singolare da ogni parte che la compone.