Questo sito contribuisce alla audience di

La stranezza, una tecnica per produrre comicità

Stranezza, bizzarria, eccentricità possono produrre comicità, ma senza un attento dosaggio fanno perdere credibilità e interesse alla vicenda.

La stranezza viene usata in genere con i personaggi secondari, perchè da sola non può accrescere l’importanza di un personaggio, anzi rischia spesso di sminuirla. Anche il protagonista comico deve essere caratterizzato impiegando tutte le varie tecniche, realistiche e romantiche, già esaminate.
Ciò che lo rende comico è soltanto una questione di dosaggio degli elementi all’interno della narrazione. Infatti è necessario impiegare le tecniche comiche - stranezza ed esagerazione - fin dalle prime battute, quando cioè la conoscenza del personaggio è ancora a livello superficiale. In tal modo quest’ultimo non sarà pienamente credibile.

A questo proposito conviene ricordare che quando l’eccentricità del protagonista è troppo marcata finisce per diventare il soggetto della commedia. Non a caso, è stata definita “commedia dell’eccentricità” quel tipo di rappresentazione in cui la caratterizzazione del protagonista è dominata da un particolare desiderio o temperamento; avarizia, ipocondria, ipocrisia, codardia, sono difetti comuni a tutti quanti , seppure in misura diversa. Se esageriamo in qualche misura questi tratti, ci ritroveremo con dei personaggi paradossali, mostruosi o privi di qualsiasi credibilità: la vicenda sarà sempre divertente, ma non c’è dubbio che avrà perso ogni interesse agli occhi del lettore.