Questo sito contribuisce alla audience di

Robinson Crusoe, l'intraprendente eroe di Daniel Defoe

Un'esaltazione dell'individuo, con la sua capacità di lotta, ma anche con la sua solitudine.

La produzione letteraria della prima metà del 700 inglese è caratterizzata da una notevole quantità di romanzi di avventura per terra e per mare, cronache di viiaggio e giornali di bordo, rispecchiando un’epoca di grandi esaltazioni, di espansione colonialistica e pirateria. Nel 1719 Daniel Defoe pubblica anonimo il Robinson Crusoe, un romanzo che, pur seguendo la moda del tempo, ebbe subito un successo straordinario che è rimasto inalterato nel corso dei secoli.

Il romanzo è una esaltazione dell’individuo, dell’incrollabile fiducia nei propri mezzi anche quando si è abbandonati a se stessi. Il protagonista incarna dunque in modo irripetibile una figura universale, un aspetto fondamentale della personalità umana.

Tuttavia, quest’opera si fa anche interprete della sua epoca e pertanto racchiude in sè una molteplicità di risvolti e di atteggiamenti critici che conferiscono a Robinson Crusoe dei significati allegorici. In lui infatti si riconosce il ceto borghese, contrapposto ai proprietari terrieri: intraprendenza, coraggio e senso pratico sono tutte qualità caratteristiche di quella classe sociale che finirà per imporsi politicamente e culturalmente; d’altra parte, è evidente il significato simbolico del rapporto fra il protagonista e Venerdì.

Il rappresentante della vecchia Europa che civilizza un selvaggio è una chiara anticipazione di quello che sarà il futuro colonialismo inglese.
Infine, il Robinson può annoverarsi nella ristretta cerchia dei “classici” per la sua sorprendente attualità. Il fascino della scoperta è ancora più avvincente in un’epoca dominata dalla tecnologia e in un mondo che non ha più segreti, almeno geografici; l’avventura del protagonista ci appare quindi come una ferma aspirazione a una vita più autentica a contatto con la natura e tuttavia sembra ricordarci a ogni pagina come, al di là del lieto fine, la condizione dell’uomo sia la solitudine.