Questo sito contribuisce alla audience di

Nadal e Shanghai, la città proibita

Rafael Nadal e Nikolay Davydenko sono approdati alla finale del torneo Master 1000 di Shanghai ed il numero due del mondo ha dovuto cedere le armi al tennista russo.

Sembra tanto lontano l’infortunio di cui è stato vittima Rafael Nadal, eppure è tornato sui campi da gioco solo il 10 agosto nel torneo canadese di Montreal. E torneo dopo torneo, lo vediamo acquistare una nuova consapevolezza di sé, delle sue capacità e del suo gioco. Di certo non è il Rafa del 2008, quello che ha realizzato un tris d’eccezione, vincendo consecutivamente il Roland Garros, Wimbledon e la medaglia d’oro alle Olimpiadi. Il 2009 si era aperto sotto i migliori auspici con la vittoria degli Australian Open, ma poi l’infortunio ha portato ad uno stop dei successi e dopo gli Internazionali di Roma Rafa ha interrotto il suo personale appuntamento con la vittoria.

Il Master 1000 di Shanghai, anche per l’assenza di scomodi contendenti, tra cui Federer, Murray e Del Potro, avrebbe potuto essere il punto di svolta. Ma il Mancino di Manacor ha dovuto arrendersi al gioco di Nikolay Davydenko. L’incontro si è concluso per 7-6 6-3, in due ore e due minuti con il russo che ha impostato il gioco ad ha mantenuto il controllo della partita per tutta la durata del match. Il finale di stagione prevede il ritorno in Europa anche per la coppa Davis. Vedremo se dopo questo periodo di rodaggio, Nadal tornerà al 100%, regalandoci nuovi momenti di bel tennis.