Questo sito contribuisce alla audience di

Rafael II: Re d’Inghilterra

L’anno scorso Rafael Nadal non aveva potuto partecipare al torneo di Wimbledon e quest’anno è tornato non solo a partecipare, ma a vincere il torneo più prestigioso del Grand Slam.

Dopo gli infortuni occorsi durante la scorsa stagione a Rafa Nadal, molti ritenevano che lo spagnolo non sarebbe più tornato ai livelli più alti. Molti addirittura vociferavano che il Mancino di Manacor era prossimo al ritiro visto che il suo gioco, così muscolare, aveva il suo punto di forza nella perfetta forma fisica. Ma Nadal è tornato più maturo e più consapevole di sé. Ha vinto il Roland Garros, è tornato numero uno del mondo ed ha realizzato l’ambata più prestigiosa, conquistando, ad un mese di distanza dal torneo parigino, il torneo di Wimbledon.

E pensare che gli organizzatori del torneo londinese avevano deciso di assegnare la testa di serie numero uno a Roder Federer, declassando Nadal a testa di serie numero due. Peccato che tanto zelo non sia stato ripagato visto che l’elvetico è stato sconfitto in semifinale da Tomas Berdych. Nadal è arrivato in finale dopo aver battuto due tra i tennisti più temibili del circuito. Nei quarti Rafa ha dovuto tenere a bada il pericolosissimo Robin Soderling ed in semifinale se l’è dovuta vedere con il “padrone di casa” Andy Murray, che non è stato all’altezza delle aspettative ed ha lasciato strada libera allo spagnolo.

La finale 2010 del torneo di Wimbledon è quindi stata disputata tra il redivivo Rafael Nadal e la sorpresa Tomas Berdych. Rafa ha disputato un match non lasciando spazi all’avversario. Non ha voluto rischiare ed ha cercato di chiudere l’incontro nel minor tempo possibile. Nel primo set, Berdych non ha avuto nessuna opportunità di opporsi allo spagnolo. Il secondo set invece si è aperto con la possibilità per il ceco di strappare il servizio al maiorchino che, dal canto suo, è riuscito ad evitare di subire break nel corso di tutto il match. Il terzo set è stato quasi una fotocopia del secondo confermando la superiorità di Nadal.

Il match è terminato con il punteggio, in favore dello spagnolo, di 6-3, 7-5 6-4. Nadal conquista in due ore e tredici minuti il suo secondo torneo di Wimbledon. La stagione 2010, finora è stata perfetta, in un crescendo, come accompagnato da una marcia trionfale Nadal si è ripreso tutto quello che aveva solo provvisoriamente lasciato lo scorso anno.