Questo sito contribuisce alla audience di

Simona Sessa: la bionda più famosa delle Marche

Giornalista, fotografa, ideatrice di Trendy Night (un progetto multimediale... by night), PR, protagonista delle notti marchigiane. Questo e molto altro in questa intervista esclusiva!

Giornalista, fotografa, ideatrice di Trendy Night (un progetto multimediale con sito, rivista e trasmissioni TV radio), PR, protagonista delle notti marchigiane. La prima domanda è decisamente scontata: ma come fai a fare tutte queste cose Simona?
A dire il vero non lo so neanche io. A volte me lo domando e mi chiedo: ma sono veramente io a fare tutto? Eppure sì…Sembra che la ciambella sia riuscita con il buco per ora. In ogni modo sto cercando collaboratori ed un responsabile commerciale e pubblicitario. Se qualcuno è all’ascolto mi contatti! (mailto:info@trendynight.it)

I party che organizzi, in qualsiasi locale abbiano luogo, sono sempre un grandissimo successo. Vuoi dirci quali sono gli ingredienti che utilizzi per questa perfetta alchimia?
Grazie per ritenerli tali. Non ho un ingrediente preciso. Non mi ero mai cimentata nei panni dell’organizzatrice di party. Direi che mi è venuto spontaneo e naturale come prosecuzione del mio progetto multimediale Trendy Night. In ogni modo vince sempre la professionalità, il carisma ed il personaggio che riesci a crearti e…un po’ di polverina magica della Sexa

Vuoi parlarci del tuo progetto Trendy Night? Come è nata l’idea, come si è sviluppato e quali altri sorprese dobbiamo aspettarci nel prossimo futuro?
E’ nato trasferendomi qui nelle Marche (io sono napoletana). Da quattro anni sono qui e da subito ho semplicemente notato che il night-clubbing non esisteva. Non capivo il perchè, in fondo il divertimento ha una lingua universale… Poi ho compreso: non esistevano personaggi forti che scendevano in campo per dare uno scossono alle Marche. Io ci sono riuscita proprio perchè provenivo da realtà diverse, metropolitane e nottambule e non ho avuto timori. Ho iniziato dai quotidiani per cui ho scritto, poi sono passata alle foto, alla rivista, al portale, alla tv ed alla radio…E’ stato un crescendo e io stessa ne sono stata travolta. Sorprese? Bè…ovvio che ci sono. Mi piacerebbe conquistare il mondo…(scherzo)

Quali consigli daresti a chi vuole vivere il mondo della notte da un punto di vista professionale?
Stare attenti, aprire gli occhi e puntare solo sulla preparazione. Il resto non conta. Ovviamente l’avvenenza puo’ fare tanto ma legata ad una competenza nel campo. Poi suggerirei di sondare bene il terreno e legarsi ai personaggi, locali ed eventi giusti. Pochi ma buoni.

Quali sono i tuoi interessi oltre la nightlife?
L’amore. Amo l’amore e mi dedico a questo sentimento stupendo. Sto mettendo su famiglia. A settembre mi sposerò e farò una grande festa in costume dedicata ai gangster in un noto locale delle Marche. Mio marito vestirà i panni di Al Capone ed io di Greta Garbo/Marlene Dietrich. E’ importante lavorare e riuscire ad avere anche una famiglia. Questa è la mia sfida…

Cosa deve fare o essere un uomo per conquistarti?
Deve capirmi e conoscere il mio lato “by day” e “by night”. Attuare due comportamenti diversi. Uno in privato e l’altro in pubblico. Poi deve farmi ridere, essere intelligente e deve piacermi. L’estetica per me conta eccome. Mi piace il maschione mediterraneo, passionale e coinvolgente…

E a chi dice che le Marche sono una regione apatica e piatta, cosa rispondi?
Lo erano prima che io mi trasferissi qui. Da quello che mi dice la gente che incontro ho dato un grosso impulso alla vita di notte. Sono davvero felice di questo. Se Maometto non va alla montagna…

Vuoi raccontarci qualche aneddoto divertente e particolare avvenuto durante i tuoi party scatenati?
Una volta un mio amico per venire alla mia festa ha litigato con la moglie che lo ha cacciato di casa. E lui per non mancare al mio appuntamento è venuto alla festa con la valigia….E l’hanno vista tutti.

Infine vuoi salutare tutti i lettori delle Bellissime di superEva?
Certo. Un bacione dalla Sexa e ricordate: “Che la notte sia con voi…”

Le categorie della guida