Questo sito contribuisce alla audience di

Trekking da Fiesole sino a L'Olmo

Un itinerario di trekking tra i più belli in Toscana. Dalla bellissima Fiesole, verso la strada che porta verso Vetta Le Croci. Paesaggi, panorami, il Monte Morello, la vista sul Chianti e sul Mugello

Fiesole
Dalla piazza della chiesa di San Domenico a Fiesole si sale per la via “Vecchia Fiesolana“, chiusa tra due muri che recingono uno straordinario numero di ville e giardini, dei cui interni si può solo rubare qualche frammento con sguardo furtivo. Al numero 64, sulla sinistra, siamo in località “Le Tre Pulzelle”, dal nome di una antica osteria: di fronte una fontana costruita nel 1556 da Baccio Bandinelli. Il piccolo slargo successivo, decorato da edicole e colonne, è il “Riposo dei Vescovi” che, come ricorda una lapide, “posavano qui per continuare il viaggio nella treggia somministrata da’ reverendi padri di San Domenico“.

Arrivati sulla piazza di Fiesole, l’appuntamento è ovviamente con il Duomo, con il Convento di San Francesco e con il superbo Teatro Romano. A questo punto si imbocca il Sentiero numero 1 che inizia in Via Verdi e prosegue per Via di Monte Ceceri, tra ville a monte e panorami a valle. Quindi boschi di cipressi e lecci, l’aggiramento di Monte Ceceri, Via Peramonda, Baccano, bella vista su Castel di Poggio e visita (se possibile) a quello di Vincigliata.

A Casa Poggio al Vento (bella colonica già casa signorile del ‘500) si devia a sinistra sul Sentiero numero 2 che si segue a lungo fino ai grandi lastroni e ai prati che precedono la cima di Monte Pratone (702 metri s.l.m.), con panorami che vanno dall’Appennino, al Mugello, al Falterona, ai Monti del Chianti.C’è anche un cippo dedicato al nativo Bruno Cicognani, che ai suoi bei tempi incontrava qui le greggi che dall’Appennino transumavano verso la Maremma. Proprio dietro il cippo il sentiero continua seguendo fedelmente il filo della cresta in costante discesa, terminando sulla strada asfaltata che sale da Molin del Piano a Vetta Le Croci.

Si può pernottare più in basso, all’Olmo, in un buon albergo-ristorante, oppure iniziare la strada per Vetta le Croci, ma naturalmente il giorno dopo. Infatti questo percorso sarà durato a secondo della vostra forza fisica e attrazione dei vari panormai già 5 ore.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)