Questo sito contribuisce alla audience di

Il Comune di Massarosa ed il Lago di Massaciuccoli

Massarosa è un comune di 22 mila abitanti in provincia di Lucca e si affaccia sul Lago di Massaciuccoli che ha una superficie di 7 chilometri quadrati e una profondità di soli 3 metri. Le pianure circostanti sono state riscattate all’agricoltura dalla bonifica iniziata nel 1740.


La zona di Massarosa è una terra antica ricca di orme che hanno accompagnato e cullato il cammino dell’uomo: dai preistorici rinvenimenti nelle grotte di Piano di Mommio, ora esposti al Museo Preistorico e Archeologico A. C. Blanc di Viareggio, agli insediamenti etruschi di San Rocchino i cui reperti sono in parte conservati al Museo Nazionale di Villa Guinigi a Lucca. Dalla superba testimonianza della raffinata civiltà romana che è la Villa dei Venulei di Massaciuccoli, con il suo famosissimo ambiente termale, fino alle memorie longobarde rinvenibili nei territori di Bargecchia e Corsanico.

Dalla chiesa romanica di Pieve a Elici alla fiera signoria feudale degli Ubaldi di Bozzano che governarono sulle marine da Torre del Lago all’antico porto di Motrone fino ai castelli di Mommio e Monteggiori. Dovunque pagine di storia e bellezze naturali si sovrappongono e si aprono passeggiando tra i sentieri all’ombra degli oliveti che punteggiano le colline o scivolando sopra i caratteristici barchini tra i canali e i “chiari” dell’ Oasi Naturalistica del Lago di Massaciuccoli.

“L’Alpe di Mommio un pallido velame
d’ulivi effonde al cielo di giacinto
come un colle dell’isola di Same
o di Zacinto”

Sono questi i famosi versi che Gabriele D’annunzio ha voluto dedicare, all’interno di quella celebrazione della terra versiliese che è “Alcyone” edito per la prima volta nel 1904, ad una parte di questo territorio che si stende tra la marina di Viareggio e le terre di Camaiore e Lucca, fino a toccare nell’estrema propaggine a sud la provincia di Pisa, e che forma, nel suo insieme, il Comune di Massarosa.
Più volte in quelle pagine ne torna l’accenno a scenari e luoghi: come quelli di Massaciuccoli, Quiesa, Montramito, Mommio appunto, la località da cui parte il nostro viaggio nel tempo e nello spazio attraverso le sedici frazioni che compongono il Comune di Massarosa.

Il Lago di Massaciuccoli è un bacino lacustre della Toscana occidentale, disteso nella pianura costiera tra Pisa e Viareggio, ai piedi delle Alpi Apuane meridionali. Ha una superficie di 7 chilometri quadrati e una profondità di soli 3 metri. Le pianure circostanti sono state riscattate all’agricoltura dalla bonifica iniziata nel 1740. Il lago è sfruttato per la pesca e la caccia acquatica, per la vegetazione palustre e per i suoi giacimenti di torba. Sulla sponda occidentale si trova Torre del Lago Puccini, circondata da verdi declivi ed estesa fino alla costa, dotata di una bella spiaggia dalla sabbia finissima. La distesa del lago costituisce l’ultimo ricordo dell’aspetto lagunare che aveva un tempo questa parte della costa toscana. Sono oramai un ricordo le antiche coltivazioni di Riso di Massarosa che si estendevano in tutto il territorio circostante.

LEGGI “La Sagra della Ranochiocciola a Massarosa”

Il Lago di Massaciuccoli

Il Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliIl Lago di MassaciuccoliLago di Massaciuccoli