Questo sito contribuisce alla audience di

Opificio Pietre Dure di Firenze bandisce 10 posti

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI CONCORSO (scad. 3 giugno 2010) Concorso per l'ammissione di dieci allievi al corso quinquennale della Scuola di alta formazione nel restauro dell'Opificio delle pietre dure di Firenze, per l'anno accademico 2010/2011

Ceramica Medievale
E’ indetto un concorso pubblico, per esami, per l’ammissione di 10 allievi, al corso quinquennale della scuola di alta formazione dell’Opificio delle Pietre Dure (di seguito denominato OPD) - con inizio nell’anno accademico 2010/2011 - nei seguenti «Percorsi formativi professionalizzanti»:

- Manufatti dipinti su supporto ligneo e tessile; manufatti scolpiti in legno; arredi e strutture lignee; manufatti in materiali sintetici lavorati, assemblati e/o dipinti», 6 posti;
- Materiali e manufatti ceramici, vitrei, organici; materiali e manufatti in metallo e leghe», 4 posti.

Il corso, quinquennale a ciclo unico, articolato in 300 crediti formativi, conferisce, in esito al superamento dell’esame finale un titolo di studio equiparato al diploma di laurea magistrale

Per ogni anno di corso gli studenti saranno tenuti a versare all’OPD una quota pro capite a titolo di parziale rimborso spese, necessaria a coprire in parte le spese dell’attivita’ didattica e comprensiva degli oneri relativi alla stipula di una polizza assicurativa infortuni e per la responsabilita’ civile degli allievi. Gli importi e le modalita’ di pagamento di detta somma sono indicati nel sito web dell’OPD.

Requisiti per l’ammissione al concorso
a) eta’ non inferiore ai diciotto anni e non superiore ai trenta anni compiuti;
b) diploma quinquennale (o quadriennale piu’ anno integrativo) di istruzione secondaria superiore;
c) cittadinanza italiana o di altro Stato dell’Unione europea. Sono ammessi alle stesse condizioni anche cittadini di Stati extracomunitari, purche’ dimostrino il possesso di un titolo di studio equipollente a quello richiesto sub b);
d) idoneita’ fisica alle attivita’ che il percorso formativo professionalizzante di studio prescelto comporta;
e) non aver riportato condanne penali;
f) per i cittadini stranieri, conoscenza della lingua italiana. I requisiti soprindicati debbono essere posseduti dal candidato alla data di scadenza dei termini di presentazione della domanda di ammissione. Per difetto dei requisiti prescritti, l’OPD puo’ disporre in ogni momento l’esclusione dal concorso, dandone comunicazione agli interessati.

Contenuto, termini e modalita’ di presentazione delle domande
a) cognome e nome; luogo e data di nascita; codice fiscale;
b) luogo di residenza, completo di indirizzo e codice di avviamento postale;
c) recapito telefonico, numero di cellulare e indirizzo e-mail, con l’impegno a comunicare le eventuali variazioni;
d) cittadinanza;
e) di possedere l’idoneita’ fisica alle attivita’ che il prescelto percorso formativo professionalizzante comporta;
f) eventuali condanne penali riportate, indicando gli estremi delle relative sentenze nonche’ i procedimenti penali eventualmente pendenti;
g) il possesso del diploma quinquennale (o quadriennale piu’ anno integrativo) di istruzione secondaria superiore (o titolo equipollente per i cittadini comunitari e non);
h) il percorso formativo professionalizzante per il quale si chiede di concorrere, optando per uno solo dei due percorsi formativi professionalizzanti. In caso di domanda relativa a piu’ percorsi formativi professionalizzanti, viene in ogni caso ritenuto valido il primo dei percorsi formativi professionalizzanti indicati, con esclusione dell’altro;
i) autorizzazione, ai sensi del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, al trattamento dei dati forniti. Ai sensi dell’art. 20 della legge n. 104/1992 nella domanda di partecipazione al concorso i candidati portatori di handicap dovranno specificare, in relazione al proprio handicap, l’ausilio occorrente.

Le domande di ammissione, redatte su carta libera secondo lo schema allegato al presente bando, devono essere fatte pervenire esclusivamente a mezzo di raccomandata al

Ministero per i beni e le attivita’ culturali
Opificio delle Pietre Dure e laboratori di restauro
via degli Alfani n. 78
50121 Firenze

Entro il termine perentorio di trenta giorni dalla data di pubblicazione del presente bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

La validita’ delle domande, ai fini della scadenza, sara’ stabilita unicamente dal timbro dell’ufficio postale accettante.

La mancata apposizione della firma in calce alla domanda comporta l’esclusione dal concorso.

Prove d’accesso
Le prove d’accesso ai corsi di formazione si svolgeranno nelle sedi che l’OPD riterra’ di stabilire; le indicazioni della data e del luogo in cui si svolgeranno la prova di conversazione in lingua italiana, riservata ai candidati cittadini stranieri, e la prova grafica saranno comunicate ai candidati tramite avvisi pubblicati nel sito web dell’OPD a partire dal decimo e non oltre il trentesimo giorno successivo alla data di scadenza del bando. A partire da tale data verra’ altresi’ pubblicato l’elenco dei candidati ammessi a sostenere la prima prova. Per le prove successive i candidati ammessi saranno convocati sempre tramite avvisi pubblicati nel sito web dell’OPD. I candidati ammessi, sono tenuti, senza alcun preavviso o comunicazione individuale, a presentarsi a sostenere le prove suddette nei luoghi, nei giorni, e nelle ore ivi indicati muniti di documento di riconoscimento valido. I candidati esclusi dal concorso riceveranno comunicazione scritta, da parte dell’OPD, tramite raccomandata. I vincitori del concorso riceveranno comunicazione scritta, da parte dell’OPD, tramite raccomandata.

L’esame di ammissione consta delle seguenti prove:
a) un colloquio preliminare in lingua italiana, riservato ai candidati cittadini non italiani;
b) una prova grafica;
c) un test attitudinale pratico-percettivo;
d) una prova orale atta a dimostrare la conoscenza diretta delle opere d’arte e la capacita’ di mettere in relazione i dati storico-artistici e quelli tecnici nonche’ una conoscenza di base delle scienze della natura (chimica, biologia, scienze della terra, fisica).
La prova orale sara’ sostenuta in lingua italiana anche dai cittadini stranieri.
candidati dovranno altresi’ dimostrare la conoscenza della lingua inglese.

Prova grafica: Consiste nella trasposizione grafica di un manufatto artistico o parte di esso, bidimensionale e tridimensionale, condotta per mezzo di una riproduzione fotografica in bianco e nero. Il disegno dovra’ essere eseguito con matita in grafite nera, a tratto lineare, senza chiaroscuro, in una riproduzione in scala rispetto al formato della fotografia. Per trasposizione grafica a tratto lineare si intende la sintesi critica del manufatto per mezzo di un tratto essenziale nitido e opportunamente modulato, teso a restituire la definizione volumetrica, le proporzioni e la particolare tecnica esecutiva in esame. La prova ha durata di sei ore consecutive. Per l’esecuzione della riproduzione in scala i candidati dovranno portare soltanto il seguente materiale: matite in grafite, gomme, temperamatite, righe, squadre e calcolatori portatili. I fogli da disegno saranno forniti dall’Opificio delle Pietre Dure. E’ vietato tassativamente l’utilizzo di qualsiasi altro materiale da parte dei candidati. Sono ammessi a sostenere la prova successiva soltanto coloro che hanno riportato un punteggio non inferiore a 7/10 (sette decimi).

LEGGI Bando Completo

LEGGI Lavoro in Toscana

Ceramica artistica ed antica

Ceramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed anticaCeramica artistica ed antica