Questo sito contribuisce alla audience di

COME FUNZIONA IL CIRCUITO DEL PIACERE

Il circuito del piacere è un percorso finale comune all’interno del cervello che è seguito dalle droghe. Normalmente funziona per fornire ad un individuo una motivazione, o un premio, come un piacere intenso, per svolgere varie attività. Mangiare o fare sesso sono esempi tipici di questo tipo di attività. Il circuito del piacere interagisce in modo diretto o indiretto con motivazione, movimento, equilibrio e controllo degli ormoni.

Molte di queste interazioni hanno conseguenze significative.
Per quelle relative al piacere, è il piacere stesso che viene ricordato come premio associato all’attività che lo ha provocato e il ricordo di questo fornisce la motivazione per meritare nuovamente il premio.
Il circuito del piacere, come tutti i circuiti del cervello, funziona tramite neurotrasmettitori ed in particolare la dopamina. Perché una droga da abuso interagisca con il circuito del piacere, l’unico comportamento necessario per ottenere il premio è l’assunzione di droga: gli effetti della droga nel cervello consistono in un’alterazione dell’attività del circuito del piacere, e il premio (piacere, euforia, prestazioni alterate) viene ottenuto.
E’ stato dimostrato che droghe da abuso con effetti opposti come cocaina e morfina agiscono entrambe sul sistema del piacere del cervello.
Sono stati condotti vari tipi di esperimenti per determinare come la dopamina interagisce con il circuito del piacere.
Durante uno di questi esperimenti sono state manipolate alcune aree del cervello e sono state registrate le seguenti alterazioni del comportamento.
Si è visto che rimovendo un’area di neuroni coinvolta nel circuito viene moderato o addirittura eliminato il comportamento di dipendenza dal premio. Si è inoltre scoperto che usando una droga come la cocaina, che provoca effetti simili a quelli della dopamina , per stimolare i neuroni si poteva produrre un premio senza la necessità di nessun altro comportamento di dipendenza.
In altri esperimenti ancora, sono stati determinati i livelli effettivi di dopamina nel circuito del piacere come funzione del comportamento o della stimolazione di un’area del cervello, con e senza la presenza di droga nell’organismo.