Questo sito contribuisce alla audience di

parte 15°

Ilrecettore citolosolico degli androgeni

dott. Andrea Marliani

specialista in Clinica dermatologica

specialista in Endocrinologia

presidente Fondatore della Società Italiana di Tricologia

docente presso la Scuola Internazionale di Medicina Estetica FIF

Il recettore citolosolico degli
androgeni

Il recettore citosolico (Androgen Receptor Protein) del diidrotestosterone
(DHT), cioè la proteina vettrice che legandosi al DHT lo
trasporta nel nucleo cellulare, esiste nel citosol cellulare sotto
forma di tetramero e sotto forma di monomero.

Il tetramero non si lega all’ormone e non entra nel nucleo, è
cioè inattivo. Attivo è il monomero che si lega
al DHT e lo trasporta fino al DNA nucleare. Si è affermato
che il rapporto monomero/tetramero è più alto nei
follicoli del cuoio capelluto dei soggetti calvi (Sawaya,1988).
E’ stata anche evidenziata la presenza di una catena enzimatica
in grado di convertire reversibilmente il tetramero in monomero
e la presenza di una proteina regolatrice, ad effetto inibitorio,
per il legame dell’ormone col recettore citosolico.

Esiste un solo recettore per tutti gli androgeni che lega i vari
ormoni steroidi in un ordine gerarchico di affinità: DHT
> testosterone > estrogeno > progesterone.

Riferimenti

Fiorelli G.: “Recettori degli ormoni” in: Giusti
G., Serio M. (Eds) “ENDOCRINOLOGIA” USES Firenze, 1988,
vol 1: 9 - 37.

Sawaya M.E., Mendez A.J., Lewis L.A. et al.: “Two forms
of androgen receptor protein in Human hair follicles and sebaceous
glands: Variation in transitional and bald scalp” J Invest
Dermatol 1988; 90: 606.