Questo sito contribuisce alla audience di

parte 3°

Aplasìa cutis

L’aplasia cutanea è una rara anomalia dovuta
a difetto di sviluppo embrionario della cute. Si evidenzia alla
nascita come un’area di 1-2 cm priva di cute, rotondeggiante od
ovalare, di aspetto erosivo o ulcerato, a fondo liscio o fortemente
eritematoso. La lesione evolve in alcune settimane verso una cicatrizzazione
(atrofica o cheloidea) che può essere ritardata dalla ripetuta
formazione di croste. Nell’area interessata gli annessi cutanei
(peli e ghiandole) sono totalmente assenti. L’aplasia circoscritta
del vertice si associa generalmente ad altre manifestazioni: agenesìa
delle ossa sottostanti, microcefalìa e ritardo mentale,
sordità, spina bifida, labio e palatoschìsi, ipotiroidismo,
insufficienza pancreatica etc. La terapia è orientata a
favorire la riparazione cicatriziale nell’area colpita impedendo
infezioni opportunistiche.