Questo sito contribuisce alla audience di

Il Capello - Il Pelo

La struttura del follicolo

Il Capello - Il Pelodr. TARGET="frame86820">Andrea Marliani

dermatologo - endocrinologo

in Firenze

Il pelo è quindi una struttura cheratinica di
forma cilindrica, con diametro di circa 65-78 micron (1 micron
= 1 millesimo di millimetro) nella razza latina, derivante da
una invaginazione epidermica detta follicolo pilifero,
appositamente specializzata. Il follicolo pilifero forma con il
piano cutaneo un angolo acuto di circa 75°.

La struttura completa del follicolo pilifero consta di due
porzioni,
una superiore stabile, ed una inferiore caduca;
il punto di confine fra queste due parti è detto colletto
del pelo
.

Alla base di questa complessa struttura troviamo un piccolo bottone
dermico che la compenetra: la papilla. La papilla dermica,
con la sua ricca vascolarizzazione, nutre uno strato di particolari
epiteliociti (tricocheratinociti) che sono con questa in stretto
contatto e dai quali prende origine il pelo; questa struttura
epiteliocitica è detta matrice del pelo. Le cellule
della matrice, moltiplicandosi, si sospingono l’un l’altra verso
l’alto all’interno del follicolo e, cheratinizzandosi (zona
cheratogena del bulbo), danno luogo alla formazione del
pelo. La moltiplicazione cellulare dei tricocheratinociti e la
sintesi della cheratina avvengono sotto la spinta di un “messaggio
autocrino”, presumibilmente un fattore di crescita della
famiglia dell’EGF che potremmo definire come Hair Growth Factor
(HrGF), e sono più attive nelle zone periferiche della
matrice, forse perché più lontane da un “messaggio
paracrino inibitorio” prodotto dalla papilla dermica (verosimilmente
il TGF beta); così il pelo assume la sua caratteristica
forma a tubo e si crea la zona midollare.