Questo sito contribuisce alla audience di

Cuticola, Corteccia e Midollo

La sezione trasversa del capello...

Cuticola, Corteccia
e Midollo
dr. TARGET="frame86820">Andrea Marliani

dermatologo - endocrinologo

in Firenze

Sezionando un capello in senso orizzontale
se ne può vedere la struttura, suddivisibile in tre parti:

a) CUTICOLA, è la parte esterna del capello apparentemente
formata, al microscopio a scansione, da 4 -7 filiere di cellule
trasparenti e sottili, disposte verticalmente a livello della
radice ed invece, a livello del fusto, disposte obliquamente,
a “scaglie” embricate, con l’estremità inferiore
attaccata alla corteccia e quella superiore staccata, con aspetto
quindi a spiga di grano o forasacco.

All’interno del follicolo la cuticola del pelo nasce, in realtà,
come un unico strato cellulare. Le cellule divengono cuboidali
e quindi piatte via via che salgono nel follicolo e contemporaneamente
si aprono verso l’alto e, raggiunto lo stato di completa cheratinizzazione,
si sovrappongono come le tegole di un tetto (embricazione).

Nel pelo definitivo le sezioni mostrano la cuticola come una struttura
pluristratificata in media composta di sette strati all’estremità
inferiore della radice. E’ tuttavia, in realtà un solo
strato di cellule allungate ciascuna approssimativamente lunga
40 - 50 micron e spessa da 0,5 a 10 micron con molteplici sovrapposizioni
e con il margine libero delle cellule superficiali aperto verso
l’alto. Si ha così un aspetto microscopico pluristratificato
simile ad una pasta sfoglia.

Data la posizione in cui si trova, la cuticola è la prima
ad essere danneggiata quando il capello viene “maltrattato”
con shampoo inadeguati, permanenti, spazzolature eccessive etc;

b) CORTECCIA, intermedia, è la parte più abbondante;
è formata da cellule più grosse, di forma fusata,
lunghe 90 micron e larghe 5 micron, disposte verticalmente in
file parallele; contengono un pigmento, la melanina, che tende
a ridursi con l’età facendo diventare il capello “bianco”
(incanutimento). Da quanto detto risulta chiaro che per “decolorare”
il capello, ad esempio con acqua ossigenata, è necessario
che la reazione chimica avvenga a livello della corteccia dato
che la cuticola, più esterna, non è colorata, così
questa, se il capello viene esaminato al microscopio a forte ingrandimento
dopo una decolorazione malfatta può presentarsi gravemente
danneggiata o addirittura scomparsa;

c) MIDOLLO, interno, formato da cellule arrotondate, disposte
a colonne, generalmente separate fra loro da spazi d’aria (l’aria
trattenuta ha funzione determinante per la protezione dal freddo
e per questo motivo il midollo supera negli animali il 50% dello
spessore totale del pelo mentre è scarsamente rappresentato
e talora assente nella specie umana).