Questo sito contribuisce alla audience di

Il catagen

Italiano

dr. TARGET="frame86820">Andrea Marliani

dermatologo - endocrinologo

in Firenze

Durante il catagen l’attività mitotica della matrice
è cessata ma l’attività metabolica ed ormonale delle
cellule del sacco è addirittura esaltata per preparare
il follicolo ad un nuovo anagen.

Durante il catagen è essenziale la produzione, da parte
delle cellule del sacco, di
estrone, cortisone,
e
glicogeno.

L’estrone si forma per aromatizzazione dai precursori: testosterone,
androstenedione ed estradiolo; il cortisone è attivamente
metabolizzato da cortisolo; dal glucosio si produce glicogeno
che viene accumulato nella guaina epiteliale esterna.

All’inizio dell’anagen

- l’estrone attiverà l’adenilciclasi delle cellule
staminali dell’istmo e, tramite un “fattore di crescita”,
ne avvierà le mitosi e la discesa verso la papilla dermica,

- il cortisone è fattore permissivo senza il quale
non si ha attivazione dell’adenilciclasi di membrana, né
l’utilizzo del glicogeno accumulato nella guaina epiteliale esterna,

- il glicogeno è, di fatto, l’unica fonte di energia
metabolica per le cellule in discesa mitotica finché non
hanno raggiunto la papilla dermica.

Nei processi vitali del follicolo è compreso il programma
genetico di apoptosi cellulare del catagen: la sua conoscenza
potrà indicarci nuove strategie terapeutiche per le alopecie
e la terapia medica, pena il suo proverbiale fallimento,
dovrà spostare l’obiettivo dall’anagen al catagen perché
ogni follicolo ha l’anagen che si è “guadagnato”
con il suo ultimo catagen .