Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

  • PRINCIPI GENERALI DI TRATTAMENTO

    Prima di intraprendere una terapia sarà sempre necessario avere fatto una diagnosi...

  • La dismorfofobia

    ovvero la "non-malattia"

  • Pseudotinea amiantacea

    Psoriasi amiantanea

  • La pediculosi del capo

    La pediculosi del capo è una parassitosi causata da un insetto ematofago specie-specifico dell'ordine Anoplura, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio.

  • La tricotillomania

    La tricotillomania è una comune dermatite artefatta. E' una forma di alopecia da trazione non cicatriziale legata all'impulso di strapparsi i capelli.

  • Le tigne

    Le tigne sono, sensu strictiori del linguaggio dermatologico italiano, dermatofitosi solitamente infantili del cuoio capelluto, dovute all'aggressione del capello da parte di un micete parassita ("fungo"), caratterizzate da eritema, desquamazione, talora pustole, croste ed alterazioni del capello che si tronca originando alopecia. La tigna del cuoio capelluto (tinea capitis) si presenta con una o più chiazze eritematose, desquamanti, nelle quali i capelli sono spezzati e di aspetto impolverato (spore del fungo). A seconda del tipo di micete in causa le chiazze potranno essere singole o poco numerose, a limiti netti, rotondeggianti, di diametro fino a 5 cm, con capelli troncati 2 - 3 mm sopra l'emergenza (tigna microsporica), oppure più numerose, a limiti indistinti, di disegno irregolare e larghezza non superiore a 1 - 2 cm, con capelli troncati all'emergenza (punti neri) associati ad altri "superstiti" all'interno della chiazza (tigna tricofitica). Il contagio può derivare dal contatto con animali domestici (Micròsporum canis...), animali da stalla (Tricophyton mentagrophytes, Tricophyton verrucosum...), suolo (Micròsporum gypseum...), altri esseri umani (Micròsporum audouinii, Tricophyton tonsurans, Tricophyton violaceum...). La tigna, se ben curata, regredisce e si risolve definitivamente in 4-6 settimane.

  • Psoriasi

    La psoriasi è una frequente dermatosi cronica eritemato-squamosa con squama tipica (psoriasica), circoscritta o diffusa con sedi preferenziali (gomiti, ginocchi, cuoio capelluto), geneticamente determinata con penetranza variabile (non tutti i componenti di una famiglia manifestano cioè la malattia o la presentano a vari livelli di gravità), con istologia tipica (dilatazione capillare papillare, microascessi epidermici sterili, iperparacheratosi) e accelerato turn-over della cheratogenesi, di difficile trattamento.

  • Forfora

    pitiriasis simplex capitis

  • Seborrea

    L’eccesso di produzione di sebo.

  • Dermatite seborroica.

    E’ un’affezione molto comune caratterizzata dalla presenza di squame giallastre e untuose che, sul cuoio capelluto, a differenza di quanto avviene nella pitiriasi steatoide, si associano ad eritema a piccole formazioni crostose ed a prurito talvolta intenso.