Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Come valutare il paziente che si candida al trapianto

    Come valutare il paziente che si candida al trapianto di unità follicolari Carlo Grassi Milano, Montecatini Terme

  • Fluridil, un nuovo farmaco per l’alopecia androgenetica

    Il fluridil (Eucapil) è un nuovo antiandrogeno per uso topico che agisce bloccando i recettori degli androgeni.

  • Finasteride 1 mg negli uomini d'età 41 - 60 anni

    Uno studio ha valutato l'efficacia e la tollerabilità della finasteride 1mg sulla crescita dei capelli in uomini di età compresa tra 41 e 60 anni.

  • Gene del recettore dell’androgeno associato alla calvizie

    Il polimorfismo del gene del recettore dell’androgeno è associato alla calvizie maschile

  • Gene Hairless e alopecia androgenetica

    Il gene Hairless non sembrerebbe coinvolto nell’alopecia androgenetica

  • Meccanismi molecolari nell’alopecia androgenetica

    Mentre è stata i raggiunta una buona comprensione del metabolismo degli androgeni coinvolto nei processi androgeno dipendenti esistono, ad oggi, poche conoscenze riguardo ai meccanismi ereditari alla base della calvizie.

  • La calvizie non è associata a rischio cardiovascolare

    Diversi studi clinici hanno mostrato in passato un’associazione tra calvizie maschile e malattie cardiovascolari.

  • Il controllo del ciclo del capello

    cosa determina il ciclo?

  • La Terapia Medica della Calvizie

    Il trattamento delle malattie del capello, ed in particolare il trattamento del defluvio androgenetico e della "calvizie comune", e' lungo e difficile. Non esistono attualmente quelle cure miracolose in grado di dare rapidamente ai pazienti i risultati terapeutici che essi vorrebbero; d'altra parte siamo assolutamente convinti che un defluvio androgenetico, seguito adeguatamente durante la sua evoluzione, curato nel tempo e con competenza, possa sempre essere rallentato nel suo decorso naturale verso la calvizie, possa spesso essere bloccato e talvolta (raramente) invertito con ricrescita parziale dei capelli perduti. I capelli, inutili annessi cutanei, conservano per l'essere umano un profondo valore simbolico, sul quale e' inutile dilungarsi: la loro funzione e' quella di essere visti ed "ammirati". Il paziente che si rivolge al medico per una caduta o una perdita di capelli, reale o presunta che sia, e' molto spesso in stato di profondo sconforto ed il dovere del medico e' quello di dargli sollievo non potendo sempre "guarirlo". Il paziente con defluvio o alopecia ha diritto a tutta l'attenzione del medico; egli deve sentirsi ascoltato e capito, perche' si formi quel rapporto di fiducia essenziale ad una buona riuscita del trattamento terapeutico. Il medico deve ad un tempo esercitare tutto il suo spirito critico verso quei prodotti dermocosmetici disponibili in commercio la cui attivita' terapeutica non e' ne' dimostrata ne' dimostrabile ma deve al contempo essere a conoscenza di quanto realmente si puo' dare al paziente in termini di terapia. Davanti ad una alopecia il medico non dovra' piu' comportarsi da guaritore o da ciarlatano prestandosi a essere il tramite di "manovre commerciali" che reclamizzano prodotti la cui efficacia non si basa su un ragionamento teorico ma solo finanziario, alle soglie del 2000 anche il capitolo "alopecia" dovra' pian piano uscire da quel limbo di incertezza e faciloneria che facilmente rende tutto lecito ciò che commercialmente e' utile. Questo "storico lavoro" è stata la Tesi di Specializzazione in Endocrinologia del prof. Andrea Marliani