Questo sito contribuisce alla audience di

News su Volterra e l'aiuto della saga al turismo

Il sito Spiegel.de ha pubblicato un lungo articolo dedicato alla città di Volterra e ai cambiamenti legati alla saga di Twilight

Volterra

Il sito Spiegel.de ha pubblicato un servizio dedicato al turismo nella città di Volterra dopo la pubblicazione dei romanzi di Stephenie Meyer e l’uscita nelle sale dei film della saga di Twilight.

Il sito intervista il sindaco Marco Buselli, di 35 anni, che spiega di essere preoccupato dall’idea di un’eccessivo cambiamento fine al commercio turistico o al restyling della città perchè vuole mantenere l’autenticità della città.

Da più di un anno, spiega l’articolo, la città è stata raggiunta da una quantità sempre più crescente di giovani turisti, principalmente intorno ai 15 anni, che arrivano da Firenze o Siena nella cittadina per visitare i luoghi che nel romanzo fanno da scenografia all’incontro tra Edward e Bella.

Volterra è diventata protagonista nonostante l’autrice dei romanzi non avesse mai visitato Volterra prima di scrivere New Moon: Stephenie Meyer ha infatti cercato su internet una città che assomigliasse al suono della parola Volturi.

Il sindaco Buselli racconta che all’inizio molti in città hanno espresso le loro perplessità e preoccupazioni riguardanti gli effetti collaterali di questo coinvolgimento e Montepulciano è riuscita a diventare il set delle riprese di New Moon.

Con un comitato e altre aziende locali la città di Volterra è riuscita a sfruttare l’interesse dei fan per Twilight senza rovinare la città: le guide portano i turisti tra porte, vicoli e strade e esiste anche un tour New Moon che include anche la visita alle prigioni.

La guida turistica Dika Boelen, che vive da 25 anni a Volterra, spiega che riescono a mostrare la città non solo per le sue connessioni con i vampiri: “Mostriamo loro il nostro anfiteatro romano, le tombe etrusche e il palazzo rinascimentale e forse qualcosa di tutto questo rimarrà con loro“.

I pacchetti turistici sono stati venduti per molti mesi e nel 2009 le prenotazioni negli alberghi e b&b sono aumentati di circa 50.000 presenze “Grazie a Twilight non abbiamo sentito gli effetti della crisi finanziaria“, spiega Buselli.