Questo sito contribuisce alla audience di

A proposito di censura russa

I censori dello Zar e MAIALI

Nella triste epoca dello Zar Nicola I la cenzura in Russia aveva toccato i vertici di idiozia: il censore Frejgan, esaminando un articolo apparso nelle Memorie della Sociaeta’ Archeologica di San Pietroburgo, aveva obiettato a che si riportassero certe scritte impresse sugli anticha cannni: ad esempio, un cannone dell’eopca di Pietro Grande si chiamava “il maiale, ma al censore era apparso piu’ conveniente scrivere che si chiamava “il leone”. “l’acquila”, o altri nomi piu’ pomposi.