Questo sito contribuisce alla audience di

Morto il più famoso e odiato UFO scettico

" Sono spiaciuta di informarvi che mio marito, Philip J. Klass, morì il 9 Agosto a Merritt Island. Florida."

Da Nadya (moglie di Klass): “Sono spiaciuta di informarvi che mio marito, Philip J. Klass, morì il 9 Agosto a Merritt Island. Florida.”
Phil fu un amico e collega per più di 30 anni, vincitore di premi per la specializzazione in giornalismo tecnico e avionica, per la rivista ‘Aviation Week’. La sua ferrea volontà lo fece lottare negli ultimi anni contro la sofferenza dovuta all’età e ad errori medici.

Egli ebbe una perspicacia da bulldog nello scavare in storie che molti giornalisti consideravano troppo tecniche, troppo difficili, o persino troppo complicate per una ricerca, sia in ambito civile che nell’aviazione militare o spaziale, e nel suo passatempo di ‘racconti UFO’.

Egli si fece nemici in molti circoli, molto di ciò va a credito per il suo acuto intelletto e la sua notevole intelligenza, e se uno si misura dai nemici che si fa, Phil aveva molto da essere orgoglioso. Io sono stata fiera di essere sua amica.

(nota: sembra che Klass fosse malato di cancro)

Fonte: ML ufos-unbound@yahoofroups.com

Traduzione: Claudio Guglieri

Chi era Philip Julian Klass (1919-2005)

Klass nasce a Des Moines e cresce a Cedar Rapids (Iowa). Nel 1941 ottiene un Bachelor of Science in ingegneria Elettronica dell’Università dello Iowa State. Successivamente, lavora come ingegnere in elettronica aeronautica per la General Electric. Nel 1952 Klass decide di darsi al giornalismo tecnico per Aviation Week. Egli scrive spesso degli articoli di punta sulla tecnologia segreta d’orientamento per inerzia (1956), sulla guida e la ricerca di missili infrarossi (1957) e sull’era emergente della micro-elettronica (1957) che ritrae, all’epoca, come una rivoluzione nel settore.

Nel 1966, Klass è giornalista specializzato nell’aerospaziale a Washington. Invitato a partecipare alla discussione di un comitato dello Institute of Electrical and Electronics Engineers (IEEE) sugli UFO, Klass ha bisogno di stangare l’argomento. Ha appena letto, nel Wall Street Journal, una critica favorevole del libro “Incident at Exeter” di John G. Fuller, che contiene numerose relazioni di sfere luminose presso linee ad alta tensione. Klass pensa subito a un fenomeno atmosferico strano, simile al fulmine globulare. A partire da questo giorno, cercherà di spiegare tutte le osservazioni di UFO, acquisendo una reputazione di “scettico”.

Nel 1971 Klass scrive “Secret Sentries in Space”, sulla tecnologia dei satelliti spia. Egli riceve nel 1972 il premio della The Aviation/Space Writers Association, che riceverà ancora nel 1974,1975, 1977 e 1986. Nel 1973, Klass si sposa con Nadya, sfuggita col figlio dalla Bulgaria comunista.

Nel 1976, Klass partecipa alla fondazione del CSICOP (il CICAP statunitense) e, da questo momento in poi, partecipa al suo Consiglio Esecutivo. Fa parte inoltre del Sotto-Comitato UFO dello CSICOP. Contribuisce a numerosi articoli sugli UFO nello Skeptical Inquirer, organo ufficiale dell’organizzazione.

Nel 1989, la The Aviation/Space Writers Association gli conferisce il premio Lauren D. Lyman Award per una carriera distinta da integralità, precisione e eccellenza nel reportage.

Philip Klass resta un personaggio odiato da molti ufologi, in virtù della sua stroncatura integrale del fenomeno UFO. Secondo lo stesso Klass, nei documenti americani (a parte negli anni Cinquanta), non si fa menzione alcuna della credenza negli extraterrestri, riportando quindi a credulità la questione. Esaminando i documenti del MJ-12, scopre in uno di questi che la “T” nella firma di Truman non copre il testo sovrastante. Questo contrasterebbe con tutti i documenti ufficiali firmati da Truman…tranne uno! Ora, secondo Klass, la probabilità di riprodurre la propria firma in modo identico, per due volte nella vita, è molto remota (suggerendo si tratti di fotocopia). Va detto che Klass ha dovuto pagare una scommessa di 1′000 $ al ricercatore canadese Stanton Friedman: costui ha provato, 14 documenti alla mano, l’esistenza di altri documenti redatti con la stessa tipografia (detta “Pica”) dei files MJ-12. Klass riteneva che tutti i documenti venissero redatti con “Elite”.

Klass è autore di “Ufos Explained” (New York: Random House 1974), “Ufos : The Public Deceived” (New York, Prometheus Books, 1983), “Ufo Abductions : A Dangerous Game” (1989), “The Crashed Saucer Cover-Up” (1993), “The Real Roswell Crashed-Saucer Coverup” (1997) e di “Bringing Ufos Down to Earth” (1997).

Le categorie della guida