Questo sito contribuisce alla audience di

Bungaro

13 anni fa, partecipo' a San Remo con Rosario Di Bella e Marco Conidi presentando il brano "E noi qui". Ora Bungaro ritorna a Sanremo con "Guardastelle", un pezzo dedicato a chi crede alla bellezza dei propri sogni. Piu' maturo, capelli grigi, Tony Bungaro, sembra essere come il vino: invecchiando migliora !

 

 

 

Antonio Calo’ in arte Bungaro nasce a Brindisi, il 23 maggio del 1964, sotto il segno dei gemelli,. Il suo esordio  al Festival di Sanremo avviene  nel 1988, tra le nuove proposte,  con il brano “Sarà forte”, che riceve il premio speciale della critica.  Incide due Album, Sulla punta della lingua e Cantare fa più bene

Bungaro ritorna  al Festival di Sanremo” con il brano Sarà forte (1988) che vince il premio della critica e conosce, più tardi, la grande popolarità, seppure insieme a Marco Conidi e Rosario Di Bella co-titolari del brano E noi qui (Sanremo 1991).Vince il “Disco per l’estate ‘93” con la canzone Ci perdiamo in tanti.

Nel 1994  esce  l’ album Tutto d’un fiato (BMG-Ariola), che raccoglie il meglio della sua produzione musicale con l’inserimento di brani inediti che preludono al nuovo corso, più dinamico e ricercato, quali Testo e musica, Voglio una radio e Apri le braccia, cover italiana di Once in a lifetime dei Talking Heads. Sempre in questo anno vince il “Premio Rino Gaetano” come rivelazione dell’anno.

Nel 1995 é in tour con Tascabile, uno spettacolo in cui si mescolano con originalità teatro e musica, con un rapporto d’intensa partecipazione del pubblico.

Nel 1997 incide  due brani: Apriti cielo e Dimmi cosa vedi (in collaborazione con la cantante irlandese Kay McCarthy).
Il 1998 è per Bungaro l’anno dei riconoscimenti come autore e produttore artistico del progetto Eramo & Passavanti e del loro album Oro e ruggine (BMG) che contiene il brano Senza confini (di cui è autore), vincitore del “Premio della critica”, del “Premio A.F.I.” (dato dall’associazione fonografi italiani) e del “Premio Volare” come migliore performance alla 48ªedizione del “Festival di Sanremo” e Premio Miglior Progetto consegnato da Michael Nyman.

Nel 2001 ottiene il Premio della critica con il brano “Agisce”. Nel 2003 presenta al Festival di Sanremo “Lividi e fiori”, interpretato da Patrizia Laquidara, che ottiene il Premio della critica.

Bungaro e’ un artista completo e nella sua carriera  trovano spazio anche esperienze teatrali e cinematografiche: e’ autore della colonna sonora per il cortometraggio di Mimmo Mancini e Paolo De Vita Arroganti (miglior corto al “Festival di Fano”e in concorso al “Festival di Los Angeles”) e per il cortometraggio Lallaralà di Paolo Iorio e Giovanni Scipioni in concorso al “Festival del Cinema di Venezia” nel 1998.

Sempre per  Mancini e De Vita scrive le musiche degli spettacoli teatrali Non venite mangiati e Le faremo sapere. Ed ancora, nel 2002 e autore delle musiche del cortometraggio Bobbolone (2002),  per la regia di M. Cascella.

Bungaro ha scritto e collaborato con e per i seguenti artisti: Gianni Morandi, Syria, Gerardina Trovato, Neri Per Caso, Gatto Panceri, Kay McCarthy, Federico Stragà, Barbara Eramo, Patrizia Laquidara, Olivia Cinquemani, Manuela Zinier protagonista della Tosca di Lucio Dalla.

Link correlati