Questo sito contribuisce alla audience di

Massimo Modugno

Figlio del grande Mimmo&#nbsp; Modugno,&#nbsp; e ne percorre la strada , con il papa' ha&#nbsp; anche duettato nella canzone "Delfini" (1993), canzone che dà anche il titolo al suo primo album.

Massimo,  modugno nasce a Roma, il 24 maggio del 1964, comincia  a cantare all’età di cinque anni, inizia a studiare canto e recitazione a sedici anni con Annabella Cerliani. A diciotto anni partecipa ad un concorso canoro e vince il premio Talent Scout;  in giuria c’erano Renzo Arbore, Antonello Falqui, Claudio Mattone.

Comincia subito dopo a collaborare con Franco Migliacci che diventa il suo produttore, dopo aver realizzato con lui il primo 45 giri “Una notizia come tante
 

Nel 1992 prende parte a Sanremo con “L’uomo alla specchio“, mentre nel 1994  affianca Mara Venier nella

 

conduzione di “Domenica in”.  In questo periodo ricomincia a studiare recitazione con Dominique De Fazio e comincia a fare teatro prima con Alberto Di Stasio nell’ “Orestiade”, poi con Claudio Garofoli in “Kessy Kanta” ed infine come protagonista al Teatro Manzoni di Roma con Tony Cucchiara nella “Baronessa di Carini”.
Nel 1995 partecipa come attore a  “Oasi” (1995) un film diretto da Cristiano Bortone con Henry Harnold, uno degli interpreti di “Heimat”.
 

Nel dicembre del 1998 ha prodotto un disco dal titolo “Io Domenico Modugno “inedito” ”, raccogliendo tutti i brani inediti del padre che aveva conservato in un cassetto orchestrati da Luis Bacalov (premio Oscar per la colonna sonora del film “Il postino” con Massimo Troisi).

Nel 1999/2000 ha partecipato al corso Interpreti del CET, Centro Europeo Toscolano di Mogol, conseguendo il diploma e continuando fino ad oggi a collaborare con la scuola, come interprete, compositore e autore.

Il Brano che presenta  al 54° Festival di Sanremo  si intitola  “Quando l’aria mi sfiora” (testo di Mogol, musica di Gianni Bella), duettano con lui ad Andrè e Nicolas dei Gipsy King.  L’uscita del nuovo album  e prevista per questa  primavera.