Questo sito contribuisce alla audience di

Hernán Huarache Mamani

Conosciuto nel nostro paese per i suoi libri sulla cultura, tradizioni e spiritualita' della sua gente Hernan Huarache Mamani, dopo aver intrapeso studi occidentali, si e' ammalato gravemente ed e' stato curato da suo padre con l'utilizzo della medicina degli antichi inca. Da quel momento Mamani ha intrapeso un cammino inoltrandosi nella conoscenza spirituale delle antiche polpolazioni indios, lavorando ad un ambizioso progetto di conservazione e diffusione della cultura di queste popolazioni.

Erede di un’antica generazione di curanderos andini, divulgatore delle conoscenze sciamaniche della tradizione spirituale Inca e sacerdote egli stesso, il professore e scrittore peruviano Hernán Huarache Mamani è un indio nato a Chivay, un villaggio della Cordigliera delle Ande. Dopo essersi laureato in Economia ha riscoperto le sue origini incaiche fino a diventare curandero.

Ha insegnato lingua quechua e cultura andina all’università di Arequipa e da anni sta lavorando ad un progetto di conservazione e diffusione della cultura del suo Paese. La lingua quechua è antichissima. Attualmente è praticata da oltre otto milioni di parlanti, ripartiti, principalmente, in Ecuador, Perù, Bolivia, Colombia, Cile e Argentina.

Nel 2004 inagura una scuola dedicata ai bambini piu’ poveri che abitano nella regione peruviana di Arequipa, città ad un migliaio di chilometri da Lima. Il progetto “Jardín de la vida y de la paz” si occupa di fornire ai bambini un’istruzione che vada dalla scuola materna all’università.
Seguace di un Maestro depositario di remoti segreti, ha vissuto con lui su una montagna sacra. Da tale esperienza ha riscoperto l’antico sapere magico, medico e religioso degli Incas.
Mamani pur essendo un indio che conosce profondamente la sua cultura ha conseguito studi occidentali per cui è a conoscenza anche di quest’altro tipo di cultura. Dal 1996 per indicazione del suo

Maestro si è stabilito in Europa per portare anche qui la sua esperienza spirituale diretta.
In Italia ha pubblicato La donna dalla coda d’argento, “Curanderos nelle Ande”, “La profezia della curandera” e “Negli occhi dello sciamano”, ma numerosi sono i suoi scritti e saggi dedicati alla cienza, medicina e cultura andina,
Ha fondato l’Associazione Mamani con la finalità di creare una Università per la Vita e per la Pace nei pressi di Arequipa, in Perù. Tiene corsi e seminari sul potere della donna, l’armonia tra l’uomo e la donna, il potere dell’uomo, e l’incontro e la comunicazione con Madre Terra.

Mamani è convinto che presto le donne riprenderanno le redini della società e si potrà finalmente realizzare un mondo di fratellanza e di pace. Del resto, quando la donna era il motore della società, il “governo delle quattro regioni”, detto Tawantinsuyo, riunì gran parte del Sud America in una democrazia fondata sulla condivisione delle conoscenze, senza bisogno di invasioni militari. Cinquecento anni fa, questa sofisticata civiltà fu distrutta da conquistadores europei come Pizarro. Oggi, proprio da qui potrebbe arrivare un’inversione di tendenza: “È in atto un passaggio da un ciclo maschile a un ciclo femminile. Le donne si stanno risvegliando, basta guardare ai cambiamenti avvenuti in Italia negli ultimi cinquant’anni”.