Questo sito contribuisce alla audience di

Quando andare?

Quale è la stagione migliore per fare un bel viaggio negli Stati Uniti? Quando è meglio andare? Che clima e che temperature troverò? La risposta non è univoca, ma dipende in che parte degli States vi recate...

Premesso che gli Stati Uniti hanno qualcosa di diverso da offrire in ogni stagione, ipotizzando che un turista abbia una certa qual possibilità di scegliere ed una certa elasticità, occorre capire dove si vuole andare e cosa si vuole visitare.

Volendo tracciare un quadro di massima, si possono fare le seguenti considerazioni (si noti che la divisione per aree è la stessa utilizzata nella sezione: CLIMA degli Stati Uniti):

Il New England (cioè la zona all’estremo nord-est sulla costa dell’Atlantico: Maine, New Hampshire, Vermont, Massachusets, Connecticut, Rhode Island) può essere una meta interessante per gli amanti dello sci nei mesi invernali, in quanto ricco di neve e di impianti sciistici. Splendide e coloratissime sono le mezze stagioni.

Il Mid-Atlantic (zona centrale della costa atlantica: dalla Pennsylvania alla Virginia) è caldissima durante l’estate, ma ricordiamo che negli Stati Uniti i condizionatori sono praticamente ovunque, pertanto chi non può permettersi altra vacanza che nei mesi caldi non si perda d’animo.

Inoltre, i mesi estivi sono anche ottimi per il turismo in quanto le grandi città solitamente sono meno affollate che nei mesi invernali.

Il Sud-est (Stati dal North Carolina alla Florida e anche alcuni Stati che si affacciano sul Golfo del Messico) è piacevole tutto l’anno per le sue temperature miti.

Sicuramente per gustarsi le coste della Florida i mesi migliori sono quelli estivi.

Per il Mid-West (Stati attorno e a sud dei grandi laghi:Illinois, Ohio, Wisconsin, Michigan, Indiana, Missouri) vale lo stesso discorso del Mid-Atlantic, in quanto il clima è abbastanza simile.

Il Sudovest (Texas, Oklaoma, Arizona e New Messico) presenta le sue carte vincenti tra gennaio e maggio. Da evitare l’estate per il caldo notevole.

Nelle grandi pianure (Stati dell’Iowa, Kansas, Minnesota, Nebraska, North e South Dakota) il clima è abbastanza variegato, perciò non ci sono stagioni particolarmente favorite. Consigliati soggiorni in primavera ed estate.

Le Montagne Rocciose (Colorado, Utah, Wyoming, Montana e Idaho) sono meta degli sciatori più appassionati d’America (e non solo), ma offrono spettacoli incantevoli anche durante la primavera e l’estate.

Infine, l’estremo West (California, Nevada, Oregon, Washington) è eccezionale durante l’estate, quando si può tentare di fare anche il bagno nell’Oceano (è possibile farlo solo in alcune spiagge controllate. Non arrischiatevi assolutamente a tuffarvi in zone senza sorveglianza o dove è proibita la balneazione!).

In qualunque stagione uno si rechi negli Stati Uniti, trova più o meno sempre qualcosa di interessante e di piacevole.

Le cose importanti sono due, che possono sembrare banali: evitare di attraversare i deserti in estate e, possibilmente, gli Stati nel nord in pieno inverno (a meno che uno non vada appositamente a ricercare il freddo e la neve!)

Ultimi interventi

Vedi tutti