Questo sito contribuisce alla audience di

Il Golden Gate

La "Porta d'oro" è uno dei simboli più famosi di San Francisco. Quando venne costruito era il ponte sospeso più lungo del mondo. Spesso avvolto nella nebbia, dona alla città un tocco di bellezza e di nostalgia...

L

L’imbocco della
baia di San Francisco, ovvero il canale naturale che separa la penisola su cui
sorge la città dall’altra sponda della costa, è chiamata ormai da secoli la porta
d’oro
(golden gate). Questo accesso alla baia era una
posizione strategica, tanto che nel 1853 fu costruita una fortificazione (Fort
Point
) per difendere la zona. Ai primi del 1900, per agevolare
l’espansione della città di San Francisco dall’altro lato della baia, si decisa
la costruzione (per allora molto azzardata) di un ponte che scavalcasse lo
stretto. La costruzione del futuro Golden Gate Bridge è stata
lunga (4 anni di lavoro) e non priva di problemi, soprattutto dovuti alle
fortissime correnti oceaniche che ostacolavano notevolmente il procedere della
costruzione. Il ponte fu inaugurato nel 1937 ed era, a quel tempo, il ponte
sospeso più lungo del mondo. Questo primato, assieme alla sua caratteristica
colorazione rossa, lo portò a diventare presto il simbolo di San Francisco in
tutto il mondo.

Questo ponte,
costruito dall’ingegnere Joseph Strauss, ha una lunghezza di 1,7 miglia (circa 2,7
Km
) e le due torri di sostegno che reggono le migliaia di funi di acciaio
della struttura sono alte 230 m.. Il Golden Gate viene riverniciato regolarmente
a scadenze settimanali, in modo da evitare che la ruggine, alimentata dall’aria
marina, ne intacchi la struttura, interamente in metallo. Il caratteristico
colore rosso del ponte, dunque, più che una scelta, è una necessità imposta
dall’antiruggine.

Il Golden Gate è
spesso avvolto nella nebbia e questo indubbiamente contribuisce ad
aumentarne il fascino ed il mistero. Tuttavia, vale la pena percorrerlo almeno
in macchina (ricordiamo però che il transito è a pagamento), oppure, ancora
meglio, a piedi, per godere dell’incantevole vista sulla baia ed anche per poter
ammirare le colline di San Francisco dall’altra sponda della baia. Percorrendolo
noterete le altissime griglie ai lati del marciapiede: queste sono state messe
per evitare di ripetere il primato, conquistato negli anni ‘90, di “ponte
con il maggior numero di tentati suicidi”…

Ultimi interventi

Vedi tutti