Questo sito contribuisce alla audience di

La storia di Chicago: dalle origini al 1871

La nascita di Chicago, i primi insediamenti, il ruolo di Fort Dearborn e le prime vicende della città fino al Grande Fuoco del 1871.

Chicago non è una città antica come Boston o New York

    Chicago non è
una città antica come Boston o New York, ma era una zona molto importante per i
trasporti già da molto prima che si installassero i coloni bianchi. Gli indiani
utilizzavano l’area come scalo per passare dal fiume Illinois al Lago
Michigan
, quando dovevano trasportare delle merci. I primi uomini bianchi
che giunsero in questa zona paludosa, alla foce di un fiume con tre sbocchi,
furono Louis Joliot e Padre Jacques Marquette, due esploratori
francesi che si fermarono sulle rive del Michigan nel 1674. Il primo
abitante permanente, però, fu Jean Baptiste Point du Sable, un uomo di colore
che creò una fermata della posta sulla sponda nord del fiume Chicago nel 1779.
Gli indiani controllarono le zone fino al 1794, quando il generale Anthony
Wayne, detto “il pazzo” li sconfisse nella battaglia di Fallen
Timbers. Gli indiani cedettero agli Stati Uniti, come si può leggere dal
trattato di pace, “un territorio di sei miglia quadrate alle foci del
fiume Chicakgo
“.

   Chicago trascorse
molti momenti duri prima di diventare una cittadina nel 1818. I soldati
costruirono Fort Dearborn nel 1803 e, a partire dal 1812, iniziò
a svilupparsi un piccolo insediamento di bianchi nelle vicinanze del forte.
Tuttavia, durante la guerra del 1812, il governo federale abbandonò l’avamposto
e gli indiani non si lasciarono sfuggire l’occasione di riprendersi le loro
terre: massacrarono i residenti e distrussero il forte.

    Fort Dearborn fu
ricostruito nel 1816 e l’insediamento divenne un villaggio due anni più tardi.
I suoi confini, tuttavia, rimasero indefiniti fino al 1830, quando un’apposita
commissione tracciò un progetto per un canale da Ottawa verso est, ovest e
anche verso Chicago, così da unire le due città. Nel 1833 Chicago fu definita
“cittadina” e nel 1837 divenne ufficialmente una “città“.
La vera e propria crescita di Chicago, però iniziò solo nel 1848 quando venne
ultimato il canale Michigan-Illinois, che in tal modo forniva agli agricoltori
dell’ovest la possibilità di imbarcare i loro prodotti e di trasportarli verso
l’est attraverso il Lake Michigan. Tra il 1848 e il 1850 la popolazione di
Chicago crebbe passando da 20.000 a 30.000 abitanti. Nel 1856 si iniziarono i
lavori per costruire la rete ferroviaria. Nel 1860, anno in cui Abramo
Lincoln
fu proposto come candidato a Presidente proprio a Chicago, la
città contava 112.000 residenti, che nel 1870 divennero 300.000. Un evento
sconvolgente per la città, però, fu il grande incendio del 1871.

    Continua…

Ultimi interventi

Vedi tutti