Questo sito contribuisce alla audience di

Bruce Springsteen

La storia della nascita di una leggenda americana

Bruce Springsteen Bruce Springsteen nasce a Freehold il 23 settembre del 1949, primogenito di Adele Zirilli e Douglas Springsteen.

La famiglia Springsteen non viveva nel lusso, il padre fece parecchi lavori: da operaio in fabbrica a guardia carceraria, ma principalmente faceva l’autista di autobus, ed era solito caricarsi tutti i suoi figli e portarli a fare un giro facendoli anche guidare.

Questo è uno dei temi salienti di Bruce, gli piace stare dietro un volante, guidare, raccontare storie nelle sue canzoni in cui appare spesso l’immagine di un’autostrada.

Da ragazzo Bruce frequenta le scuole parrocchiali, ambiente poco adatto ad un ragazzo pieno di ideali.

Nel 1963 ancor prima che i Beatles diventassero una leggenda successe qualcosa. Per tredici anni l’animo ribelle di Bruce era come anestetizzato.

Inizia tutto con una chitarra, comprata per 18 dollari al banco dei pegni in luogo della batteria che non poteva permettersi; il gioco era fatto, stava per nascere uno dei miti americani.

Fino al 1965 Bruce rimase nell’ombra,mentre dall’altra parte della cittadina, una band capeggiata da George Theiss stava realizzando i propri sogni, ma la loro musica disturbava non poco Tex Vinyard futuro manager di questo gruppo (i Castiles). Una notte un ragazzo che abitava un paio di strade più giù bussò alla sua porta e alzando lo sguardo disse: “Ciao! Mi chiamo Bruce Springsteen, ho sentito che cercate un chitarrista!!!”.

Bruce aveva una vecchia Kent e quello che sapeva fare erano solo alcuni accordi di pezzi sentiti alla radio. Ma volevano tutti la band.

La sera dopo Bruce tornò con i quatto o cinque pezzi che gli insegnarono la sera prima e si esibì con cinque canzoni da farti scoppiare le orecchie, facendo rimanere senza fiato tutti.

Da qui ebbe inizio l’avventura del Boss e della sua prima band!

Nel 1966 i Castiles erano sulla cresta dell’onda, ma avevano pochi soldi ed erano troppo giovani. Così decisero di fare da soli; il 22 maggio del 66 salirono tutti sulla Mercury di Tex per andare ad uno studio di registrazione che avevano affittato.

La registrazione che fecero riveste un notevole valore in quanto si dice che mentre stavano registrando a Bruce saltò una corda della chitarra e visto che non c’era tempo per andare a comprarne una nuova e non ne avevano una di ricambio, si continuò così e senza dubbio questa fù un’esperienza che lasciò il segno!

Dopo un’interminabile ed estenuante serie di serate fatte nei surf bar la band cercò di trovare nuovi orizzonti per emergere e grazie a Tex fecero un’audizione a New York presso il Cafè Wha. Salirono sul palco, erano tutti nervosi, ma Bruce disse a Curt (il bassista), voglio un bel basso!!

Sicuri di loro cominciarono con “My Generation” e suonarono in seguito ventinove sere su trenta!!!

Da quì nasce la leggenda del Boss che si fece sempre più strada nel mondo del Rock mondiale, soltanto, per essere se stesso, cantando di storie vissute mettendoci l’anima per regalare un’emozione a chi lo ascolta, questo è Bruce Springsteen!

Ultimi interventi

Vedi tutti