Questo sito contribuisce alla audience di

Oklahoma

"Lo Stato e la sua capitale sconvolta nel 1995 da un attentato"

"La capitale Oklahoma City" Il nome dello Stato deriva dalle parole Choctaw “okla e humma”: “persona rossa”: i suoi confini si estendono ad est verso l’Arkansas e il Missouri, a nord confina con il Kansas, a ovest con il Nuovo Messico e a sud con il Texas.

E’ entrato a far parte dell’Unione il 16 novembre del 1907.

L’Oklahoma produce in grande quantità gas naturale, petrolio (scoperto nel dicembre del 1928), prodotti agricoli.

Il punto più alto dello Stato è il Black Mesa (1516 m sul livello del mare) che si trova nella zona dell’Oklahoma Panhandle; mentre il punto più basso si trova lungo il Little River nella città di Idabel (88 m. sul livello del mare); i monti più rilevanti sono i Monti Ouachita, i Monti Arbuckle, i Monti Wichita e l’Altopiano d’Ozark.

Vegetazione caratteristica del luogo è rappresentata dai cactus con fiori rossi e gialli; purtroppo è stata dichiarata nel 2003, a rischio di estinzione, la bellissima orchidea frangiata (Platanthera leucophaea).

La capitale Oklahoma City venne fondata il 22 aprile del 1889; ed il 19 aprile del 1995 un palazzo governativo venne fatto saltare in un attentato terroristico che causò la morte di 168 persone e più di 800 feriti: fu il più sanguinoso attentato terroristico avvenuto negli Stati Uniti, prima che l’attentato dell’11 settembre 2001 scrivesse una nuova pagina di sangue e morte; colpevole dell’attentato fu riconosciuto Timothy McVeigh, che aveva partecipato alla guerra del Golfo: fu giustiziato l’11 giugno dell’anno 2001 con un’iniezione letale.

Per chi vuole visitare la capitale, che gode di un clima temperato, caratteristica la Metro Concourse, una delle maggiori aree pedonali sotterranee esistente negli Stati Uniti e si trova sotto downtown, ricca di negozi, uffici e ristoranti.

"National Cowboy Hall of Fame & Western" Molti soni i musei tra cui “Oklahoma City Museum of Art”: collezioni d’arte, un ristorante ed un piccolo teatro; e da non dimenticare la “National Cowboy Hall of Fame & Western Heritage Center”: collezioni d’arte d’epoca western, riproduzioni a grandezza naturale che mostrano la vita ai tempi dei pionieri, ed inoltre magnifiche sculture che riproducono gli eroi che caratterizzarono il selvaggio west; ma degna di nota è la collezione di pistole, pugnali, bamboline kachina appartenute a John Wayne e che egli stesso ha donate al museo.

Ultimi interventi

Vedi tutti