Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista a Fabio Poli - 2a parte

31-10-10 L'autore dello storico sito "Alzati la gonna" sulla Steve Rogers band si racconta

fabio poli fotoVeniamo ora piano piano al “cuore” di questa intervista… e cioè il fatto che il tuo nome è da (praticamente sempre) molti addetti associato alla Steve Rogers Band.
Innanzi tutto devo farti una semplicissima domanda di rito: ascoltandolo ricorda molte sonorità proprie della band che ha accompagnato Vasco, specie però relativamente ai progetti da band indipendente rispetto al rocker di Zocca, ti ci riconosci?

Beh se fai rock in italiano, i riferimenti sono quelli. Tenendo anche presente il mio rapporto privilegiato con la Steve, credo sia un parallelismo azzeccato soprattutto per la title track, questo rock festaiolo e beffardo come poteva essere, fatte le dovute proporzioni, una “alzati la gonna” o una “hey man”.

Però poi se guardi al cd nel complesso trovi cose totalmente estranee a quel mondo, ad esempio “Francesca lasciami dormire” è una canzone battistiana che nell’arrangiamento può ricordarti certe cose alla Brian Eno con uso di e-bow e slide, organi scordati in lontananza, percussioni anni ’70.

Oppure “stralunata” con questa atmosfera psichedelica alla Beatles ed un testo pieno di paradossi alla Rino Gaetano. Insomma molta carne al fuoco con la lezione Vasco/Steve sempre molto ben presente, perché c’è poco da fare, mi sono formato in quel mondo là.
A proposito di Steve, lasciami fare una domanda…. “marzulliana”…. di quale canzone della SRB ti piacerebbe incidere una cover?

Bella domanda.
Quelle che mi trovo più spesso tra le mani alla chitarra sono “non voglio più amarti”, “polvere d’oro”, “bambolina” e “sai qual è la verità”.
Quindi penso ad una di queste.
Diciamo che della produzione della band preferisco le ballad.

Continua nella terza parte