Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista a Fabio Poli - 4a parte

31-10-10 L'autore dello storico sito "Alzati la gonna" sulla Steve Rogers band si racconta

foto fabio poliVasco e la SRB tu, da fan, come hai vissuto la separazione?

Sinceramente ero piccolo. Ma sono quelle divisioni inevitabili nei gruppi rock. Dai discorsi fatti con la band, mi è parsa solo la sacrosanta voglia di fare qualcosa di proprio, perché il progetto Vasco Rossi è molto accentratore. Questo accade perché in Italia non c’è la cultura della rock band e quindi anche discograficamente è più facile puntare su un solista. Per quanto possa esprimere la mia opinione, nonostante il suicidio commerciale, da un punto di vista creativo fu solo un bene.

Cosa manca di riva ai giorni nostri e nella musica di oggi?

Massimo era un grande autore, degno rappresentante della sua generazione. Una volta si scrivevano canzoni, magari senza la perizia tecnica dei giorni nostri, ma si scrivevano per un reale bisogno di comunicazione.
C’era qualcosa da dire e molta creatività nell’aria. Tu sai che un parametro per misurare la vitalità di una nazione sta nella sua produzione artistica.
Oggi siamo messi così male che non saprei nemmeno dirti se esistiamo ancora…

Preferisci Stef o Solieri?

Prenderei il songwriting di Solieri ed il fraseggio di Stef. Però, se dovessi dare un consiglio a un giovane chitarrista, direi di cercare una via interpretativa originale.
I dvd didattici vanno presi come quando leggi di una rapina sul giornale. Leggi tutto nei minimi particolari, però poi non vai a farne una pure tu!!

Vai all’ultima parte dell’intervista