Questo sito contribuisce alla audience di

I Nudi mai visti a Firenze

Esposizine d'arte nelle sale delle Reali Poste della Galleria degli Uffizi di Firenze, dal 18 dicembre al 29 gennaio 2006

I depositi della Galleria degli Uffizi custodiscono una ricca collezione di circa duemilacinquecento opere - tra pitture, sculture, oggetti preziosi, miniature, porcellane, mobili, arazzi - delle quattromilacinquecento acquisite nei secoli dal museo fiorentino. Quasi un museo nel museo che risale a Francesco I, figlio del granduca Cosimo de Medici, che accumulò opere eccelse, seguito in questa passione dai suoi successori, i Lorena, così come dalle principali famiglie nobili della città. A questo già cospicuo patrimonio si sono aggiunti nei secoli successivi importanti lasciti, donazioni, collezioni straordinarie come la Feroni, la Contini Bonacossi, la Strozzi Sacrati. Un patrimonio immenso, impossibile da esporre in modo permanente. Da qui l’idea del ciclo di questa mostra a tema chiamata I Mai Visti.

Quest’anno la preziosa mostra è dedicata al nudo nella pittura di soggetto sacro e nella pittura profana. “È un tema - dichiara il curatore Antonio Natali - che a qualcuno potrebbe sembrare poco pertinente alla festività che si celebra, ma la purezza e la dignità del nudo risalgono proprio alle Sacre Scritture. Basterà rileggere il celebre brano del Genesi sopra riportato, dove la nudità è senza vergogna, finché Eva e Adamo non compiono nel giardino di Eden il loro peccato di disubbidienza. Ma la nudità senza vergogna è condizione primordiale, sicché non sarà prerogativa solo del giardino di Eden, ma anche delle selve d’Olimpo, dove si consumano gli amori degli dei”.

Si potranno ammirare trentasei opere, tra cui dipinti di Cranach, Tiziano, Veronese, Ribera, Tiepolo, fino ad arrivare ai maestri contemporanei, quale Rauschenberg. Inoltre si troveranno molti importanti maestri del Seicento fiorentino, dall’Empoli al Bilivert, da Giovanni da San Giovanni al Dandini, da Cecco Bravo al Martinelli, dal Volterrano al Gabbiani. Si potrà ammirare, inoltre, un’opera totalmente inedita per il pubblico degli Uffizi, in quanto acquisita recentemente dalla Galleria: un estatico San Girolamo di Jusepe de Ribera, opera d’altissimo tenore qualitativo.

Firenze, Galleria degli Uffizi, Sala delle Reali Poste
18 dicembre 2005 – 29 gennaio 2006
orario: tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00, lunedì chiuso
per informazioni: tel. 055 213560 - 284034
ingresso gratuito

Le informazioni per questo articolo sono state tratte dal sito del quatidiano La Repubblica.