Questo sito contribuisce alla audience di

Calendari 2004

Si avvicina il 2004 e come sempre saremo martellati dalla pubblicità dei calendari. Nei programmi televisivi, alla radio, nelle edicole, per non parlare di internet, banner dappertutto di donne e uomini[...]

Si avvicina il 2004 e come sempre saremo martellati dalla pubblicità dei calendari. Nei programmi televisivi, alla radio, nelle edicole, per non parlare di internet, banner dappertutto di donne e uomini più o meno svestiti e più o meno famosi, come se la produzione di calendari fosse ridotta, o limitata, alla sola rappresentazione di corpi nudi o seminudi, fotografati a volte in modo egregio, a volte rappresentati in immagini brutte e volgari.

Ma la produzione di calendari non è tutta qui. Esistono calendari che fanno pubblicità alle banche, alle imprese, ad associazioni. Poi esiste anche una produzione di calendari dove “il calendario” esiste in quanto tale, non deve pubblicizzare niente, ed è rappresentazione pura e semplice di qualche cosa di bello.

Sono quei calendari dedicati alle opere di pittori famosi, alla natura nelle sue più svariate manifestazioni, agli animali domestici e selvaggi, a città d’arte, a continenti, a singoli paesi. Ogni calendario contiene dodici immagini, stampate in modo impeccabile, che possono essere di uno stesso autore o di autori diversi, tutte comunque efficaci e particolari. Fotografi di fama internazionale collaborano con editori che producono questi piccoli gioielli che possono durare anche più di un anno!

Allora se decidiamo di acquistare un calendario per l’ufficio, per la nostra casa, o da regalare, non fermiamoci alla prima edicola, entriamo invece in libreria o nelle cartolerie più raffinate e compriamo prodotti di qualità, come ad esempio quelli offerti dalla LEM Art Group di Milano.

Pubblichiamo qui due esempi che riguardano, ovviamente, l’Africa.

Le foto sono di Fausto Moroni.

Ultimi interventi

Vedi tutti