Questo sito contribuisce alla audience di

Guida Espresso: 145 vini super anche nel rapporto qualità/prezzo

La Guida, anche alla luce della crisi del mercato, ha esaltato quest' anno l' indicazione ai consumatori del rapporto tra la qualita' del vino e il suo prezzo.

Non solo indicazioni sulla qualita’, ma anche un occhio di riguardo al rapporto tra la stessa qualita’ e il prezzo. E’ il taglio che la guida 2004 ”Vini d’Italia” dell’ Espresso (quarta edizione, 20 euro), da domani in edicola, propone ai suoi lettori. Il volume - con i suoi 145 vini di eccellenza - e’ stato presentato oggi a Firenze, per la seconda volta in tandem con Pitti Immagini, in un connubio tra enologia e moda che ben definisce la Toscana.

La Guida, anche alla luce della crisi del mercato, ha esaltato quest’ anno l’ indicazione ai consumatori del rapporto tra la qualita’ del vino e il suo prezzo. ”E’ una risposta alle difficolta’ del momento - ha spiegato Ernesto Gentili che con Fabio Rizzari ha curato la guida -, ma e’ anche l’ affermazione della nostra volonta’ di giudicare liberamente i vini a prescindere dal prezzo, pur dimostrando sensibilita’ verso questo aspetto. E’, tra l’ altro, una scelta che non va a contaminare l’ indicazione dei vini d’eccellenza”.

Prologo all’ illustrazione dei migliori vini italiani e’ stata la consegna, da parte del sindaco Leonardo Domenici, del Fiorino d’oro, massimo riconoscimento della citta’, ad Annie Feolde e Giorgio Pinchiorri dell’ Enoteca Pinchiorri (da anni al vertice delle guide gastronomiche) che hanno pubblicato il loro primo libro di ricette.

”Vini d’ Italia” e’ il frutto del lavoro di un’ equipe di 8 degustatori che hanno assaggiato 15 mila vini, 8000 dei quali sono stati recensiti, con la segnalazione in schede di 1920 produttori. I vini indicati per il buon rapporto qualita’-prezzo sono 1250. Per vini premiati (bianchi, rossi, spumanti e dolci) il Piemonte e’ al primo posto tra le regioni italiane (41 vini d’eccellenza), seguito da Toscana (40 vini) e Friuli (14).

Novita’ dell’ anno e’ il raddoppio dei premi destinati ai vini bianchi che indica una riscoperta dei prodotti sapidi e territoriali mentre la guida ha registrato un buon dinamismo tra i produttori del Sud e una grande attenzione ai vitigni autoctoni.

”La guida rinnovata - ha spiegato il direttore editoriale Enzo Vizzari - vuol essere destinata sia alla persona che nulla sa di vino, sia al consumatore esperto. Non abbiamo voluto stilare classifiche, ne’ dare medaglie, ma suggerire indicazioni ai fruitori e anche a chi opera nel vino”.

Il volume si apre con una sezione su come si conserva e si serve il vino, e sugli abbinamenti con le pietanze; le regioni sono elencate in ordine alfabetico per una piu’ rapida consultazione; all’ interno di ogni scheda sono riportati i dati salienti come il numero di bottiglie, il prezzo e la valutazione di vini e aziende.