Questo sito contribuisce alla audience di

Il tappo del futuro si può leggere, scrivere e cancellare

Si chiama SmartCorq, è stato inventato e brevettato dalla Lab Id, azienda hi-tech di Bologna, ed è dotato di un rivoluzionario microchip che consente futuristiche applicazioni, utili sia ai produttori che agli eno-appassionati: è la umbra Arnaldo Caprai la prima cantina in Italia ad adottarlo per i propri vini.

Il tappo del futuro si può leggere, scrivere e cancellare. Si
chiama SmartCorq, è stato inventato e brevettato dalla Lab Id, azienda
hi-tech di Bologna, ed è dotato di un rivoluzionario microchip che
consente futuristiche applicazioni, utili sia ai produttori che agli
eno-appassionati: è la umbra Arnaldo Caprai la prima cantina in Italia
ad adottarlo per i propri vini.

Grazie ad un transponder, una
microscopica porzione di silicio di un millimetro quadrato - la
dimensione di una capocchia di spillo - inglobato all’interno di un
tappo di materiale sintetico, sarà possibile immagazzinare una mole di
dati specifici per ogni singola bottiglia: da quelli sulla vendemmia a
quelli sul produttore, dai consigli per i giusti abbinamenti alle
ricette, passando persino per poesie o racconti.

Ma potranno essere
memorizzati, nel caso di bottiglie particolarmente pregiate, anche i
nomi dei precedenti proprietari del vino.

Lo SmartCorq, è stato
presentato in anteprima mondiale allo Smau di Milano il 19 ottobre,
verrà presentato al Salone del Vino di Torino, kermesse dell’enologia
di qualità che si terrà dal 27 al 30 ottobre.

La Arnaldo Caprai
utilizzerà lo SmartCorq in via sperimentale applicandolo ad una linea
di vini da collezione, la Contemporare (www.contemporare.it).

I dati contenuti nello SmartCorq - messo in produzione da Perbacco,
azienda produttrice di tappi di Milano - trasmessi dal microchip in
radiofrequenza attraverso le onde elettromagnetiche (come se fosse una
piccola radio), potranno essere letti semplicemente avvicinando un
lettore. I consumatori e gli eno-appassionati potranno “dialogare” con
la bottiglia anche attraverso un comune telefono cellulare - sono già
in commercio modelli dotati della tecnologia specifica - e conoscere
una serie di informazioni su un determinato vino.

Ma l’invenzione
presenta applicazioni importanti anche per il commercio e la
distribuzione: attraverso appositi lettori si potrà essere al corrente
in tempo reale sull’assortimento di bottiglie in un magazzino o in uno
scaffale, grazie ai dati inviati in simultanea dai tappi direttamente
al computer.

Oppure basterà avvicinarsi ad una cassa anonima di
bottiglie per sapere esattamente, senza aprirla, quali vini contiene.

Per comprendere il perché a questa tecnologia è affidata la rivoluzione del futuro basti pensare per esempio a quali sono attualmente i tempi ed i costi per registrare l’ingresso e l’uscita delle merci a magazzino
o per farne l’inventario, per la corretta movimentazione all’interno
dell’azienda, per averne la tracciabilità dal magazzino ai punti
vendita, ed immaginare come l’impiego di questo sistema possa
semplificare il problema azzerando pressoché le possibilità di errore.
Di fatto, con investimenti ridotti, cantine commerciali, ristoranti o
privati potranno controllare in remoto attraverso Internet e anche da
un semplice cellulare ogni indicazione relativa a stock o ammanchi con
possibilità di riordino in automatico.