Questo sito contribuisce alla audience di

Nasce in Sicilia "Centopassi" , il vino dell’impegno civile

Si tratta del primo vino prodotto interamente da beni confiscati ai clan mafiosi, dai vigneti reimpiantati dopo anni di abbandono, ed è un Nero d'Avola prodotto dalla Cooperativa Placido Rizzotto, che coltiva i terreni confiscati a Cosa nostra.

Un vino che in ogni suo elemento, dal nome
all’etichetta, passando per i vigneti e la cantina in cui nasce,
testimonia l’impegno civile di chi lo ha prodotto, facendosi
portabandiera della legalità: si chiamerà “Centopassi” - ispirandosi al
famoso film di Marco Tullio Giordana sulla vita di Peppino Impastato,
ucciso dalla mafia - . Si
tratta del primo vino prodotto interamente da beni confiscati ai clan
mafiosi, dai vigneti reimpiantati dopo anni di abbandono fino alla
cantina. Per disegnare l’etichetta del “Centopassi”, che sarà
distribuito da Coop, non è stato chiamato un grafico famoso, ma i
ragazzi di una scuola superiore di Torino, l’Istituto Tecnico per arti
grafiche e fotografiche Bodoni, che insieme a Nova Coop, la Cooperativa
di consumo che opera in Piemonte, hanno messo a punto e portato a
termine questo particolare progetto didattico: “Anche la creazione
dell’etichetta è un’iniziativa importante, che coinvolge non solo le
abilità tecniche dei ragazzi ma anche la loro coscienza civile - spiega
Gianluca Faraone, giovane presidente della Cooperativa Placido Rizzotto
- Grazie all’attenta regia di Nova Coop gli studenti hanno infatti
incontrato e parlato nei mesi scorsi con il Procuratore di Torino Gian
Carlo Caselli e con Giovanni Impastato, fratello di Peppino Impastato.
A febbraio c’è stata anche una visita in Sicilia di una delegazione di
studenti e insegnanti, con tappe alla casa della memoria di Peppino
Impastato a Cinisi, al Memoriale di Portella della Ginestra, e alla
Casa dei giovani di Castelvetrano, dove si produce olio su terreni
confiscati alla criminalità organizzata”. Nel frattempo gli studenti
hanno consegnato i loro lavori, che saranno esposti in un Ipercoop di
Torino, dove i soci Coop potranno votare i loro preferiti. Si
realizzerà così una prima scrematura sulla quale lavorerà una giuria
che designerà il vincitore: la premiazione avverrà il 20 marzo presso
l’Associazione Gruppo Abele, in corso Trapani 91/b a Torino alla
presenza, tra gli altri, di Don Luigi Ciotti, di Gian Carlo Caselli e
di Giovanni Impastato. “Un’iniziativa importante - sottolinea Carlo
Barbieri, dirigente di Coop Italia - che contribuirà al sostegno di
questa cooperativa che è nata e va avanti nel nome della legalità. Noi
di Coop ci abbiamo sempre creduto, supportandola sia dal punto di vista
commerciale, distribuendo i prodotti “anti-mafia” nei nostri punti
vendita, sia facendoci promotori di iniziative di divulgazione in
Sicilia e sul territorio nazionale”. Per la nascita del vino
“Centopassi” è stato fondamentale l’aiuto tecnico fornito dagli esperti
di Slow Food, che hanno supervisionato l’intero processo produttivo,
dal lavoro nei vigneti fino all’imbottigliamento finale. Il
“Centopassi” sarà prodotto per la prima volta con le uve della
vendemmia 2006.
La
Cooperativa Placido Rizzotto ? Libera Terra (intitolata al sindacalista
di Corleone ucciso dalla mafia) si è costituita nel novembre 2001 ed è
composta da giovani e ragazzi svantaggiati del posto: la sua finalità è
l’uso sociale dei beni confiscati a Cosa nostra. I campi e i vigneti in
cui nascono i vini (nel 2004 ha debuttato sul mercato “Placido”, un
bianco Igt a base di uve catarratto), il grano, l’olio, le marmellate e
le conserve prodotte dalla cooperativa appartenevano a Totò Riina. Dopo
la confisca, avvenuta otto anni fa, è seguito un lungo periodo di
abbandono. Proprio la Coop ha distribuito in esclusiva per la prima
volta, negli anni scorsi, la pasta “Libera Terra”: “Da quando abbiamo
ricominciato a lavorare di nuovo questi campi - conclude Gianluca
Faraone - ci siamo accorti di aver sfatato un radicato luogo comune:
abbiamo dimostrato infatti che, dopo il dominio della mafia, anche in
queste zone lavorare per conto dello Stato e nella piena legalità è
possibile”.