Questo sito contribuisce alla audience di

‭I "mondiali" del Merlot a Lugano

A metà dello scorso mese di novembre si è svolto a Lugano, nei saloni del prestigioso Hotel Villa Principe Leopoldo, la prima edizione del "Mondial du Merlot", patrocinato dall’"Office International de la Vigne e du Vin",‭ ‬dall’Unione Svizzera degli Enologi‭ ‬e dall’Associazione Svizzera dei Sommeliers Professionali.

Manifesto della manifestazioneA metà dello scorso mese di novembre si è svolto in Svizzera, più precisamente a Lugano, nei saloni del prestigioso Hotel Villa Principe Leopoldo, la prima edizione del “Mondial du Merlot”, patrocinato e organizzato dall’”Office International de la Vigne e du Vin”,‭ ‬dall’Unione Svizzera degli Enologi‭ ‬e dall’Associazione Svizzera dei Sommeliers Professionali. ‭Ad aggiudicarsi l’ambito premio ‬come miglior Merlot del mondo ‭è stato lo ‬statunitense‭ “‬Hahn Estates Merlot Monterey‭ ‬2006″‭ ‬della Hahn Family Wines di Soledad. L’appuntamento‭ ‬è stato il primo concorso mondiale del Merlot,‭ ‬un sogno di Alberto Rota,‭ ‬organizzatore dell’evento.‭ ‬Una realtà che fin dal suo esordio è stata premiata da un ampio consenso e dalla partecipazione di ben‭ ventiquattro ‬nazioni,‭ ‬con‭ ‬278‭ ‬vini in gara di‭ otto ‬diverse annate.‭

Merlot Guerrieri RizzardiE se gli svizzeri, ottimi produttori di Merlot, hanno ottenuto undici medaglie d’oro,‭ ‬ben tre sono state attribuite a vini italiani, esattamente al “Clos Roareti‭ ‬igt Veronese‭ ‬2006″‭ ‬di‭ ‬Guerrieri Rizzardi di Bardolino (nella foto la sua etichetta), che avremo modo di recensire sulle pagine della Guida tra qualche giorno,‭ a “‬La Macchia Pavia Rosso‭ ‬igt‭ ‬2000″‭ ‬dell’azienda Bellaria di Paolo Massone di Casteggio e al “Merlot‭ ‬doc Piave‭ ‬2007″‭ ‬dell’azienda di Sandre di Campo di Pietra di Salgareda.

Un’occasione che ha messo in evidenza‭ ‬l’eccellenza dei produttori di Merlot di tutto il mondo,‭ ‬sottolineando‭ ‬le qualità e le diverse espressioni‭ ‬del vitigno,‭ ‬ma anche un’opportunità‭ ‬di confronto tra i produttori e un osservatorio privilegiato per le tendenze del settore. Vicente Sanchez Migaillon,‭ ‬vicepresidente della “Federazione Spagnola degli Enologi”,‭ ‬si è espresso a nome degli esperti degustatori, rappresentati per il 60 per cento da enologi,‭ per il ‬20 per cento di sommeliers e‭ ‬20 per cento di‭ ‬giornalisti,‭ ‬che hanno partecipato al concorso.‭ «‬È stato molto interessante ritrovare le diversità del Merlot,‭ ‬uno dei vitigni più coltivati al mondo,‭ ‬e intuire l’ampio ventaglio di tipicità che si cela dietro ogni regione di produzione:‭ ‬stili diversi,‭ ‬quindi,‭ ‬ma tutti estremamente avvincenti‭», ha detto soddisfatto l’enologo spagnolo‬.