Questo sito contribuisce alla audience di

Nel cuore della Franciacorta: l’Azienda Monte Rossa - Quarta parte

Per ciò che riguarda la “Prima Cuvée Brut” è il vino più diffuso dell’azienda e quindi, secondo la filosofia di “Monte Rossa” è quello realizzato con i prodotti migliori di tutta la produzione.

La Prima Cuvée di Monte RossaPer ciò che riguarda la “Prima Cuvée Brut” è il vino più diffuso dell’azienda e quindi, secondo la filosofia di “Monte Rossa” è quello realizzato con i prodotti migliori di tutta la produzione. La “Prima Cuvée” è composta da vini ottenuti dalla prima spremitura delle uve Chardonnay e Pinot bianco per l’85 per cento e Pinot nero per il 15 per cento e da vini di riserva. L’affinamento minimo in bottiglia su leviti è di ventiquattro mesi. Si tratta di un Franciacorta di buona personalità e struttura che si distingue per piacevolezza ed eleganza. Di color giallo paglierino, presenta un bouquet di profumi floreali, di burro e frutta matura con perlage sottile, delicato, assai persistente. In bocca è pieno, lungo, senza perdere in piacevolezza e vivacità, con un retrogusto che persiste delicatamente. Sarebbe un crimine rovinare una simile meraviglia con piatti, anche delicati, che possono annullare lo stupendo equilibrio espresso da questo vino. Posso consigliare, tutt’al più, crostacei scottati al vapore e conditi con un filo di olio extravergine e una macinata di pepe rosa al momento.

Il P.R. Brut di Monte RossaDa parte sua il “P.R. Brut”, come ci ha ricordato lo stesso Emanuele Robotti, è l’ultimo nato di casa “Monte Rossa”, prodotto per festeggiare i trentacinque anni di attività dell’azienda. Il suo nome è composto dalle iniziali dei fondatori, Paola Rovetta, tra i primi a credere e specializzarsi nel Franciacorta fin dagli anni Settanta, e il marito Paolo Rabotti, tra i fondatori del Consorzio Franciacorta. È un Franciacorta ottenuto con una cuvée di Chardonnay al 100 per cento, il cui 65 per cento proviene dai vini dei migliori cru dell’azienda e il restante 35 per cento da vino di riserva. Si tratta di una “bollicina” che rappresenta la felice sintesi tra semplicità, freschezza e immediatezza della Prima Cuvée, con l’importanza, la struttura e l’evoluzione del millesimato per eccellenza, il “Cabochon”. Il P.R. vuole essere un vino che esprime pienamente la filosofia aziendale, la quale mira a trovare l’eccellenza non solo nei vini millesimati, ma nell’intera, sua produzione. Al naso si avvertono piacevolissimi sentori di frutta a polpa bianca e di mandorla, mentre al palato risulta straordinariamente morbido e fresco con un perlage fine e notevolmente persistente. Un consiglio: gustatelo come aperitivo, con assaggi di verdure crude. E vi troverete in paradiso.

Che dire? “Monte Rossa” per la sua filosofia, per la ricerca a dir poco esasperata della qualità dei suoi prodotti, per una produzione capace di unire la rassicurante presenza della tradizione con gli ultimissimi ritrovati tecnologici, rappresenta un punto di arrivo per ciò che riguarda le “bollicine” del nostro Paese. Un bravo doveroso a Emanuele Robotti e ai suoi collaboratori, che con il loro entusiasmo e la loro straordinaria competenza riescono a creare autentiche meraviglie. Un modello, un esempio per tutti e non solo nella Franciacorta.

Azienda Agricola Monte Rossa di Paola Rovetta s.a.s.
Via Luca Marenzio,14
25040 - Bornato (Bs)
Tel. 030.725066 - Fax 030.7750061
Sito Internet: www.monterossa.com - Indirizzo e-mail: info@monterossa.com